Labirinto

L’UOVO DEL CUCULO

“Insanity is hereditary:
you get it from your children”

“La pazzia è ereditaria:
la prendete dai vostri figli”

S C E N A 1

STRADA . Esterno notte
1-

Ferma sul lato di una strada centrale, tranquilla e scura data l’ora tarda c'é un’auto coi fari spenti.
Passa lenta un'altra auto e le sue luci illuminano quella ferma per un attimo: sui sedili anteriori c'é una coppia che sta amoreggiando. Poiché hanno entrambi i capelli lunghi nel breve passare della luce sembrano due donne. Si baciano in bocca.

S C E N A 2
AUTO. Interno Esterno notte
2-

L'immagine torna scura all'allontanarsi dei fari dell'auto di passaggio.
DETTAGLIO: un mano maschile, stretta a pugno, si apre mostrando una bustina di droga. Subito, rapace, la mano di una ragazza cerca di prenderla, ma la mano dell'uomo si chiude nuovamente a pugno.
Il ragazzo coi capelli lunghi, FRANCESCO abbassa il pugno sul proprio ventre portandosi dietro la mano femminile artigliata su di esso nel tentativo di forzarne la stretta, mentre passa la punta della sua lingua sulle labbra della ragazza, PAOLA che supplica

PAOLA
Ne ho bisogno ... sono due giorni che non mi faccio ...

Francesco le sussurra sulla bocca

FRANCESCO
Prima paga...

La mano di Francesco forza la mano di Paola verso la zip dei suoi jeans e, tenendogliela, la costringe ad aprirglieli.
Francesco passa l’altra mano dietro il collo di Paola e le abbassa la testa verso il proprio inguine. Paola si piega oltre il bordo del cruscotto.
Francesco si distende all'indietro, contro lo schienale, apprestandosi a godere del contatto.
Il cerchio di luce violenta di una torcia elettrica puntata sulla Mdp abbaglia lo schermo.
Francesco, illuminato violentemente, strizza gli occhi.
Accecato dalla torcia, distingue appena l'uomo che la tiene: GIORGIO, sui 50 anni, corporatura medio-robusta. Giorgio spalanca la portiera:

nel cerchio di luce, con uno scatto per rimettersi seduta, appare Paola, gli occhi strizzati nel tentativo di vedere, una mano sulla bocca in un gesto di vergogna.

 

 

 

S C E N A 3
CABINA DI TRAGHETTO. Interno notte
3-

Ripetendo il movimento fatto da Paola nella scena precedente, Giorgio si mette a sedere di scatto sul letto, la mano sulla bocca. Ha il volto segnato più dalla sofferenza che dall'età.
Nella cuccetta accanto LAURA, sua moglie, una donna ancora bella sulla quarantina, sta raggomitolata col lenzuolo fin sulla testa, gli occhi spalancati sui propri pensieri. Sentendo Giorgio muoversi, chiude le palpebre di scatto, fingendo di dormire.
Le tendine appese davanti all'oblò dondolano per il moto ondoso della nave.
Giorgio salta giù dal letto e corre in bagno. Si aggrappa al lavandino, ha un conato di vomito ma non riesce rimettere.
Si guarda nello specchio del lavabo. Si fissa negli occhi come se stesse cercando di conoscere un estraneo.


S C E N A 4
CASA GIORGIO E LAURA. CORRIDOI0 Interno notte
4-

Il manrovescio colpisce in pieno il volto di Paola girandole la faccia e subito Giorgio la centra con un ceffone dall'altro lato.
Laura si mette in mezzo, in camicia da notte, cercando di proteggere la figlia

LAURA
Basta! Basta, Giorgio, basta!

ne approfitta Paola per evitare altri schiaffi e corre a chiudersi a chiave in camera sua.

LAURA
Che ha fatto? Che é successo?

GIORGIO
Fattelo dire da lei quello che ha fatto!


S C E N A 5
CASA GIORGIO E LAURA. CAMERA MATRIMONIALE. Int.notte
5-

Giorgio entra nella sua camera, gira intorno al letto, battendo con violenza un ginocchio in uno degli spigoli del fondo, e si spoglia con rabbia, mentre sente Laura che cerca invano di farsi aprire dalla figlia.
LAURA (off)
Paola... Paola, ti prego ... apri!
Si lascia andare sul letto fremendo di sdegno
GIORGIO
Maledetta... maledetta schifosa... e maledetto il giorno in cui sei nata!
Laura entra poco dopo, senza accendere la luce, si sdraia accanto al marito con un sospiro.


LAURA
Non devi picchiarla cosi.

aspetta una risposta che non viene e continua

LAURA
L'hai trovata col ragazzo?

GIORGIO
Con uno, si.

LAURA
Ormai è maggiorenne, Giorgio ... e può fare quello che vuole ...

GIORGIO
Non finché sta a casa mia...

Laura cerca la mano del marito. La trova serrata a pugno e gliela stringe.


S C E N A 6
CABINA DEL TRAGHETTO. BAGNO. Interno notte
6-

Giorgio é scosso da un conato di vomito ma non riesce a rimettere, appoggia la fronte Sul fresco dello specchio.
Il vento gonfia le tendine davanti all'ob1é socchiuso e Giorgio le fissa.


S C E N A 7
CASA GIORGIO E LAURA. CAMERA MATRDMIALE. Int. notte
7-

Un colpo di vento gonfia le tende.
Giorgio, steso sul letto, apre gli occhi.
Accanto a lui Laura dorme. Dalla strada giungono delle voci:

VOCI
Paola! ... (un fischio)
Ehi Paola... abbiamo qualcosa da farti succhiare! (ridacchiamenti)

Giorgio salta giù dal letto e va a sbirciare in strada: j

SCENA 8
STRADA. Esterno notte
8 –

Visto dalla finestra di Giorgio:
una vecchia auto è ferma in mezzo alla strada con la capotte di tela abbassata. Dentro l’auto tre ragazzi sui vent'anni, con una bottiglia di liquore in pugno, dirigono i loro lazzi verso la finestra della stanza di Paola.


S C E N A 9
CASA DI GIORGIO E LAURA. CORRIDOI0. Interno notte
9-

Giorgio si muove veloce, scalzo.
Si ferma un attimo accanto alla porta chiusa della figlia da, cui filtra la luce, poi va in bagno e apre l’acqua, torna fuori e si china a guardare attraverso il buco della serratura nella camera della figlia.
Ma c'è la chiave nella toppa, da dentro. Dalla stanza proviene un suono di mani battute, non un applauso, quasi un accompagnamento musicale a una musica che non c’è.
Giorgio corre di nuovo nel bagno e ne esce con una mastella piena d'acqua.


S C E N A 10
CASA GIORGIO E LAURA. CAMERA MATRIMONIALE. Int. notte
10-

Giorgio gira intorno al letto con la mastella e urta col ginocchio contro il solito ricciolo rococò. Soffoca un'imprecazione mentre un po' d'acqua si spande sul parquet, guarda verso Laura che dorme e va sul balcone.


S C E N A 11
STRADA. Esterno notte
11-

I ragazzi dentro l’auto stanno ridendo. Uno beve alla bottiglia e un altro spalanca le braccia verso la finestra illuminata di Paola

UN RAGAZZO
Paola, amore mio, se non me la dai tu te lo do io!

La mastellata d'acqua investe a cascata i ragazzi dentro la macchina, allagando la vettura.

ALTRO RAGAZZO
Ma li mort ... a stronzoooo!

dal balcone Giorgio scaglia su di loro anche la mastella di plastica che centra il ragazzo al volante.
L'auto parte sferragliando portando lontano le esclamazioni di rabbia dei tre ragazzi.


S C E N A 12
CASA GIORGIO E LAURA. CORRIWIO. Int.notte
12-

Giorgio bussa alla porta chiusa della camera di Paola. Dall'interno proviene sempre il ritmico batter di mani. Chiama con voce sommessa

GIORGIO
Paola... Paola! Apri, Paola!

la ragazza non risponde. Giorgio scuote l'uscio. Da dentro il suono di mani battute prosegue con lo stesso ritmo ossessivo e non viene altra risposta.
Giorgio, preoccupato, prende un giornale da uno scaffale e ne infila un foglio sotto l'uscio, poi con una limetta per unghie fa cadere la chiave dalla serratura. Tira lentamente il giornale a sé e recupera la chiave che passa sotto l'uscio insieme al giornale.
Apre la porta:


S C E N A 13
CASA DI GIORGIO E LAURA. CAMERA PAOLA. Int. notte
13-

Paola è sdraiata sul letto, indossa soltanto uno slip rosso. Si batte le mani ritmicamente sul ventre, già molto arrossato.
All'aprirsi della porta, Paola balza sul letto, si rannicchia come un animale e ringhia.
Giorgio la fissa sbalordito, incredulo. Muove un passo verso di lei ma la ragazza balza gia dal letto, sempre con mosse da bestia, corre verso la portafinestra spalancata sulla strada. Soffia terrore, rabbia, il suo volto è distorto da una smorfia.
Giorgio non riesce a parlare, le tende una mano, muove un altro passo verso di lei ma la ragazza balza contro la ringhiera, pronta a buttarsi nel vuoto.
Giorgio si immobilizza spaventato. Guarda intorno nella stanza piena di pupazzi di pelouche, ricordi di passate tenerezze, e manifesti di concerti incollati alle pareti e vede su una sedia una siringa.
Arretra verso il corridoio e Paola ansima meno e lo guarda con minor paura.
Giorgio non osa più muoversi e guarda la figlia travolta dal delirio allucinatorio, senza trovare la forza di fare alcunché.
Paola ora si soffia sul petto, sulle braccia, come dovesse scansare invisibili insetti. Con movimenti ritmici del capo, ossessivi, si copre la pelle di piccoli sputi con una saliva densa, bianca e schiumosa.


S C E N A 14
CABINA TRAGHETTO E BAGNO. Interno notte
14-

Giorgio di spalle si riflette nello specchio. Dal fondo dello specchio, il volto di Laura

LAURA
Cos'hai?

GIORGIO
Nausea.

LAURA
Quando arriviamo?

GIORGIO (parla allo specchio)
Alle otto ... come quella mattina di vent'anni fa... è cambiato il mondo ma l’orario del traghetto no ..


LAURA
Proseguiamo subito in macchina. Ne troveremo una a noleggio?

GIORGIO
Ma si. Sparano a Vukovar, lontano.

LAURA
Dovresti dormire un po'. Hai preso il Roipnol?

GIORGIO
Stiamo rifacendo lo stesso giro del nostro viaggio di nozze (si volta) ti ricordi quella
pensioncina sul lago di Scutari? E quel giorno a Titograd in cui ci rubarono i passaporti mentre stavamo pomiciando ai giardini pubblici? Adesso non si chiama più Titograd... si chiama... un nome difficile ... Podgorica o Podgoritza...

LAURA
Chissà come la trattano ... povera Paola...

GIORGIO(torna in cabina) A volte mi pare di sentire, lassù, qualcuno che ride ... (si sciacqua la bocca e sputa) Se c'è un dio dobbiamo sembrargli buffi mentre diamo testate contro le pareti del casino in cui ci ha messo nostra figlia.

LAURA
…e con questa maledetta guerra poi ... se si ammazzano fra loro può capitarle di tutto!

GIORGIO
Ma che guerra, dai! Si sparacchieranno un po' ma poi si metteranno di nuovo tutti insieme. Proprio adesso che da comunisti stanno per diventare consumisti, vuoi che mandino tutto a puttane?

LAURA(seguendo il proprio pensiero)
Le carceri in questi Paesi saranno ancora peggio delle nostre ...

GIORGIO(cerca nella borsa)
Magari non è neppure in carcere, magari sta nella camera di sicurezza di un commissariato ....

LAURA
E sai dove sta? E cosa le stan facendo? Non vedi che in tutto il mondo c'è di nuovo voglia di
uccidere? Pregherei, se credessi in qualcosa...

GIORGIO(torna in bagno)
Lassù piace l'umorismo nero. Anche questo nostro viaggio, per colpa di Paola, non male come scherzo da dio.

LAURA
Colpa di Paola! Come ti piacciono queste parole: colpa di Paola.

GIORGIO
Come vuoi! per merito di Paola che si è fatta arrestare proprio a Titograd stiamo rifacendo il viaggio di nozze ... Ho prenotato in quel nostro alberghetto ... dove restammo chiusi in stanza per tre giorni ...

LAURA
Credi che riusciremo a liberarla?

Giorgio si stacca dallo specchio e dai suoi sogni. Alza le spalle

GIORGIO
Meriterebbe di star dentro per un bel pezzo. Forse comincerebbe a pensare ...

LAURA
Tu saresti contento se le dessero l’ergastolo! Almeno ti leveresti il pensiero.

GIORGIO
Ah già, sono io il cattivo, quello che ha sbagliato. Scusa, me lo dimentico sempre ...

LAURA
Se tu non l’avessi mandata via di casa…perché 1'hai mandata via?

GIORGIO
L'ho mandata via di casa comprandole un appartamento! L'ho mandata via con te che dicevi che stando da sola avrebbe messo la testa a posto, si sarebbe trovata un bravo ragazzo e fatto dei bei nipotini ...
LAURA
Un padre non manda via di casa una figlia... Sono sicura che Paola vuole tornare con noi, ha bisogno della famiglia...

GIORGIO (alza la voce)
Perché, la nostra è ancora una famiglia? Paola ha distrutto tutto.

LAURA
Finché c'era Paola c'era anche la famiglia! Perché NOI siamo la tua famiglia, non quella di tua madre.

GIORGIO
Non ricominciare con le stronzate su mia madrel

LAURA
Prima deve venire tua figlia, poi io, poi tua madre!

GIORGIO
Invece per me prima venivi tu, poi ...

LAURA
Non è vero! Allora perché mi hai dato quella risposta?

GIORGIO
Quale risposta?

LAURA
Quella della torre!

Giorgio ha un gesto disperato e sbuffa

GIORGIO
Ancora? Con una figlia drogata marcia, che sta in galera, tu stai ancora a pensare a quel tuo maledettissimo quiz della torre?

LAURA
Si, perché è da quel giorno che si sono incrinati i nostri rapporti e anche quelli con Paola! Perché anche lei mi ha detto: come, papà salverebbe sua madre e butterebbe giù noi dalla torre?

GIORGIO
Nel tuo infame giochino Paola non c’era!

LAURA(come non avesse sentito)
Per me era lapalissiano, ovvio! Neppure da starci a pensare un minuto! Prima Paola, poi me, poi tua madre!

GIORGIO
Laura, io non ti butterei dalla torre..

LAURA
Tu mi hai buttata!
GIORGIO
Te 1'ho detto perché mi facevi quella domanda schifosa! Volevi sapere chi avrei ucciso tra te e mia madre ... tu che mi facevi questa ignobile domanda da nazista, non meritavi altra risposta!

LAURA
Prima i figli ...

GIORGIO
Ah, perché non era chiaro nei fatti che venivate prima tu e Paola? Sono andato via da casa che avevo vent'anni ... e da quando ci siamo sposati non ho pensato che a te e non ho mai desiderato altre donne..

LAURA
Non dovevi rispondere in quella maniera...

GIORGIO
Come una principessa del medioevo, mi mandi a morte perché ho risposto male all'indovinello?

LAURA
Non dovevi avere dubbi ...

GIORGIO
Piantala di ripetere le stesse parole! Per te i fatti non contano! Tu eri tutta presa dalla tua boutique, dovevi diventare una grande della moda e a Paola pensavi quando e se ne avevi il tempo! Ti ricordi o non ti ricordi che quando sei rimasta incinta mi hai detto che se non ti avessi preso una tata avresti abortito?

LAURA
Non avrei mai abortito e tu lo sai!

GIORGIO(pollice verso)
Io faccio come te: hai dato la risposta sbagliata, a morte!

LAURA
Non fare il buffone! Abbiamo sempre detto che quando uno è concepito è concepito, e basta lasciarlo lì che diventa un uomo coi baffi!

GIORGIO
IO 1'ho sempre detto!

LAURA
Sai benissimo che non avrei mai abortito!

GIORGIO
Non so più niente, Laura ... più niente che riguardi te ... Io ho fatto a Paola da padre e da madre e adesso dici che è colpa mia se lei si droga, se fa la puttana per comprarsi la dose, se ci tratta come pezze da piedi... lei sì che ci ha buttato dalla torre!

LAURA
Perché la picchiavi? Anche quand'era piccola... ha messo la manina nella pappa e tu le hai dato un ceffone!

GIORGIO
Ah ecco! E' per quello che diventata una mignotta!

con uno scatto di nervi Laura si avventa contro Giorgio urlando

LAURA
Non devi insultare mia figliaaa!

Giorgio le sbatte la porta del bagno in faccia e si chiude dentro. Laura picchia isterica coi pugni contro la porta chiusa e grida

LAURA
Capito?! Tu 1'hai sempre disprezzata! Sempre a dirle che non capiva niente, che era una cretina, che sarebbe finita male...


S C E N A 15
BAGNO CABINA TRAGHETTO. Interno notte
15-

Giorgio urla verso la porta chiusa, furioso

GIORGIO
Io almeno ci ho provato! Io ho fatto di tutto per impedirle di arrivare dov'è arrivata! E tu invece che hai fatto? Eh, che hai fatto? Te lo dico io che hai fatto! Tu hai dormito! Quando Paola tornava alle tre di notte tu che facevi? Dormivi! Quando al mattino non voleva alzarsi per andare a scuola, tu che facevi? Dormivi! E quando ...


S C E N A 16
CABINA TRAGHETTO. Interno notte
16-

Laura urla contro la porta chiusa, isterica

LAURA
Nooo! TU sei un violento! TU entravi nella sua stanza mentre dormiva e le davi pugni in testa!

VOCE GIORGIO
Oh certo! Perché ero pazzo! Non perché non voleva andare a scuola, non perché passava la notte a drogarsi!

LAURA
S1, negli ultimi tempi eri pazzo! E me l’ha detto anche lo psichiatra: è suo marito che è malato non sua figlia. Non lo lasci solo ...

VOCE GIORGIO
E allora perché non ci hai pensato tu, eh? Perché non t'alzavi tu per farla andare a scuola e la lasciavi in mano a un pazzo? E' cosi che vuoi bene a tua figlia?

LAURA (come se non avesse sentito)
Avevi degli scoppi di rabbia che facevano spavento ...


S C E N A 17
BAGNO CABINA TRAGHETTO. Interno notte
17-

Giorgio si siede sulla tazza chiusa e si porta i pugni contro le orecchie per non sentire la voce di Laura che da fuori continua ossessiva

VOCE LAURA
Tu hai l’esaurimento ... e io avevo paura che me la uccidessi di botte ... io avevo paura di te ... ti si gonfiavano le vene del collo ... diventavi una bestia...

Giorgio si tappa le orecchie forte con le mani e la voce di Laura scompare. E' scosso da un singulto di pianto ma senza lacrime e sussurra a se stesso disperato

GIORGIO
Ho provato di tutto ... con le buone e con le cattive ... tutto ...


S C E N A 18
STRADA DI PERIFERIA. Esterno notte
18-

Visto attraverso il parabrezza di un auto ferma in una zona d'ombra ma col motore acceso e tenuto al minimo:
una squallida strada periferica poco illuminata, sullo sfondo enormi palazzoni popolari. Intorno rifiuti e squallore.
Ad un angolo un gruppetto di ragazzi e ragazze a cui due giovinastri stanno vendendo droga. Una delle ragazza è SIMONA.
Arrivano in moto Francesco e Paola. Francesco ferma la moto accanto agli spacciatori e scende.

FRANCESCO
Oh vedi di darmela meglio che l’ultima volta era di merda!

SPACCIATORE
Ma vedi un po' tu di andare a fanculo invece di tagliarla col bicarbonato ...

FRANCESCO
Non dire stronzate! Stassera ho solo novanta sacchi ...

dentro l’auto una mano d'uomo guantata di nero innesta una marcia.

ALTRO SPACCIATORE
Porta la tua troia a battere un altro po'... mica sono suor Teresa di Calcutta...

PAOLA
A suor Teresa, se ti viene ancora duro possiamo sistemare pure subito ...

All'improvviso l’auto piomba contro il gruppetto, i fari abbaglianti, accecano i due spacciatori. Paola e Simona balzano di lato.

SIMONA
Chi cazzo è sto pazzo!

L'auto urta la moto di Francesco frenando con uno stridere di gomme.
Francesco e Paola finiscono a terra. Dall'auto balza giù Giorgio con una catena da antifurto in pugno e come una furia si avventa contro gli spacciatori.

SPACCIATORE
Ma chi sei? Rambo?! A tutto stronzo!

tira fuori un coltello ma una tremenda catenata gli spezza la mano. Urla di dolore mentre Giorgio picchia lui e il compare come un ossesso.
Alcuni dei ragazzi lo assalgono. Uno di loro impugna un sasso trovato a terra, ma Giorgio è ferocemente veloce e determinato: ne atterra uno con una catenata in testa e investe gli altri con una girandola forsennata di colpi.

PAOLA
Papà! Piantala, cazzo, piantala!

ma Giorgio continua a picchiare con la catena a destra e a manca.
Un ragazzo, ben vestito, scivola nel tentativo di scappare e si ripara con le braccia urlando

RAGAZZO
Sono solo un tossico io ... non spaccio ...non faccio niente di male ...

GIORGIO
Niente di male eh? Perché non è colpa tua... non è colpa vostra se quelli vendono, vero? Se tu non compri, pezzo di merda, quelli non possono vendere!

Francesco assale da dietro Giorgio e lo colpisce con violenza. Giorgio urla di rabbia e si gira evitando così un calcio micidiale colpendo la gamba di' Francesco con una catenata.
Francesco urla e cade sul sedere reggendosi la gamba.

Paola solleva una Vespa, ci salta sopra e da gas, sparendo in fondo alla strada. Giorgio viene attaccato da due ragazzotti e da uno degli spacciatori che si è rimesso in piedi e brandisce un bastone ma Giorgio è una vera furia, se li scrolla di dosso, picchia sulle braccia dello spacciatore facendolo ululare di dolore e ,e poi colpisce i due tossici senza pietà urlando

GIORGIO
Non avete colpa, eh, maledetti imbecilli! E' colpa della società, vero? Colpa dei vostri genitori ... o magari della crisi dei valori ... colpa mia o del Papa o di chi vi si frega... non delle vostre maledette teste di merda!!!

sotto i colpi di Giorgio adesso tutti fuggono e lui resta ansimante, con la catena in pugno, davanti a Francesco che arretra dicendo

FRANCESCO
Quella catena ficcatela nel culo, stronzo ... noi viviamo come cazzo ci pare,

GIORGIO
Tu vivi come vuoi ma lascia stare mia figlia!

Dal fondo della strada arrivano due moto rombanti seguite da una Vespa: sulla prima c'e Paola sulle altre due ci sono quattro giovanottoni con giacconi di cuoio.
Francesco ride
'
FRANCESCO
Adesso vediamo come la metti ...

i quattro uomini balzano a terra e due di loro si avventano su Giorgio che tenta di difendersi ma un terzo lo colpisce da dietro alla testa. Giorgio crolla sulle ginocchia.
I tre lo colpiscono con calci in faccia, allo stomaco e a mezza schiena: un pestaggio violento e brevissimo, da professionisti.
Paola guarda picchiare il padre senza tradire alcuna emozione. Francesco, zoppicante si rimette a cavallo della moto e da gas.
Giorgio resta dolorante a terra, semisvenuto, coperto di sangue. Vede uno dei picchiatori avvicinarsi alla figlia e tenderle due bustine di droga:

PICCHIATORE
Questa è per te, perché ci hai chiamati. Però qui non vogliamo casini. Trovati un altro pusher.

senza aspettare risposta, il picchiatore salta sulla sua moto: in un gran rombare di motori i picchiatori se ne vanno e Giorgio, la faccia insanguinata e gonfia, incontra lo sguardo di Paola che passa aggrappata alla schiena di Francesco che se ne va con la propria moto.
Non c'é alcuna comunicazione in questi sguardi.


S C E N A 19
CABINA TRAGHETTO E BAGM. Interno notte
19-
Giorgio stacca le mani dalle orecchie e se ne passa una sulla faccia. Da fuori, dietro la porta chiusa, Laura continua a strepitare

LAURA
E quella volta che 1'hai inseguita nell'ascensore? Hai cercato di romperle un braccio, te lo ricordi o ti sei dimenticato anche di questo? ... io avevo paura di te! Di te avevo paura...

Giorgio va al lavabo e si sciacqua la faccia. Poi apre la porta del bagno e Laura fa un passo indietro nel. vederselo di fronte con la faccia grondante d'acqua.

LAURA
... perché 1'hai mandata via di casa? Perché 1'hai mandata via?

Giorgio afferra Laura per le spalle e la scuote

GIORGIO (violento)
Perché non ne potevamo più! Perché non potevo vederla in quello stato e non far niente! Perché mi avevi convinto che una volta sola si sarebbe resa conto di quel che stava facendo della sua vita!

LAURA
Paola aveva bisogno di un padre diverso. Un padre che le parlasse che cercasse di capirla...

GIORGIO
E di una madre no?

LAURA
Guarda che fra me e Paola c'era una confidenza che neanche te la immagini!

GIORGIO
Ma se hai sempre detto che era gelosa di te!

LAURA
Da bambina! Tutte le bambine sono un po' gelose delle loro madri.

GIORGIO
E come mai con tutta questa confidenza non ti ha detto che si drogava?

LAURA
E' stata quella sua amica a farla cominciare ... e poi aveva avuto una delusione d'amore.. ti ricordi che si era innamorata di Piero, quel ragazzo che abitava al primo piano?

GIORGIO
Me lo ricordo s! ... forse è per questo grande amore che poi ha puntato una siringa alla gola della nonna di quel bamboccio per farsi dare dei soldi ...

LAURA
Tu sei bravo solo a fare il tuo stupido sarcasmo! Lo sanno tutti che i ragazzi drogati fanno qualunque cosa per procurarsi i soldi e comprarsi la roba.

GIORGIO
Già ... e Paola fa proprio qualunque cosa ... come quando 1'ho trovata in camera sua con quel disgraziato dai capelli bianchi!

LAURA
L'hai sbattuto fuori a calci perché tu sai solo picchiare!

GIORGIO
E che gli dovevo dire? Chiedere educatamente se aveva finito di scopare la mia figlia minorenne?

LAURA
Che faceva poi ti tanto tragico? Faceva l'amore! Sei tu che hai sempre dato troppa importanza al sesso! Forse per l’educazione bigotta che ti ha dato tua madre ...

GIORGIO
Ah, io ho avuto un'educazione bigotta? Ma quando ci siamo incontrati la prima volta chi era vergine, io o tu? E avevi ventidue anni mica dodici!

LAURA
Che c'entra! Io non avevo mai incontrato uno per cui valesse la pena...

GIORGIO
Invece Paola, eh? Bastano centomila lire perché ne valga la pena! E come si chiamano quelle che la danno a pagamento? Troie si chiamano!

LAURA
Ti ho già detto di non insultare mia figlia! La droga è come una malattia... non puoi giudicarla come se fosse sana!

GIORGIO
Certo che è una malattia! Della mente! Perché bisogna avere qualcosa che non funziona qui dentro per ridursi come s'é ridotta lei!

LAURA
Ha cominciato tanto per provare come tanti.

GIORGIO
Come tanti stronzi! E poi provare ... ! Non basta una volta e neanche due per diventare tossici. Bisogna avere una testa bacata e un animo da verme! Io e te andavamo d'accordo, no non solo d'accordo ... io e te ci amavamo proprio e tanto, soldi non ce ne sono mai mancati, Paola aveva tutto quello che le serviva e pure di pìù ... perché allora? Perché?

LAURA
Le cattive compagnie ... la tua continua violenza... non andava a scuola? non era la fine del mondo!

GIORGIO
Tanto lo so che è colpa mia! Forse lo dici per poter sopravvivere ... qualcuno devi odiare, e non vuoi odiare tua figlia...

LAURA
Tu la odii, io mai! Mai!

GIORGIO
Però è colpa sua, è colpa di Paola, se la nostra vita è diventata così! ... sai cos'è che non posso perdonarle? D’aver ammazzato la donna che amavo, perché tu non sei più quella donna!

LAURA
Sei tu che sei cambiato. Ma Paola non c’entra...

GIORGIO
Non c'entra? Lo sai che mi disse dopo che cacciai via quel miserabile dalla sua stanza da letto? Mi disse che se le davo le centomila che le servivano il "servizio" l’avrebbe fatto anche a me!

Laura leva contro Giorgio i pugni chiusi in un impeto di rabbia isterica. Il suo sguardo è pieno d'odio. Urla

LAURA
Ma che fai, maledetto? Ogni giorno ne inventi un pezzo?

GIORGIO
No! E' che le porcate peggiori non te lho mai volute dire! Perché ... io son morto di vergogna cento volte per colpa sua!

LAURA
Ecco la verità! Ti sei sempre vergognato di lei! Perché andava male a scuola, perché non aveva uno dei vostri maledetti orologi al posto del cuore, come te! perché piaceva ai ragazzi, perché ... non è che eri tu ad essere geloso?

Giorgio non le risponde. Prende dall'armadio il soprabito e se lo infila sopra il pigiama. Esce e sbatte la porta della cabina in faccia alla moglie che resta coi pugni serrati, tremante.
Laura si vede riflessa nello specchio dell'armadio e si fissa. Apre i pugni e si costringe a rilassarsi.
Domina la voglia di piangere. Va al comodino calmando il respiro affannoso che le solleva il petto e guarda l’ora: sono le quattro di mattina.
Cerca un calmante nella borsa, trova la scatola vuota che butta. Rovescia il contenuto della borsa sul letto e lo sparge con le mani alla ricerca di un'altra confezione che non trova.
Raccoglie invece un piccolo portafoto, di quelli che danno in omaggio i negozi di ottica, e lo apre:
Laura sorride a Paola bambina davanti ad una grande torta con tre candeline.
Il volto della bambina è felice.

VOCE PAOLA BAMBINA
Tanti baci alla mia mamma che è brutta cattiva antipatica e intilligente!

Un'altra foto mostra Laura novella sposa con tanto di abito bianco e velo che, seduta su una poltrona, tende una mano verso Giorgio che, in piedi, la sta aiutando ad alzarsi:

ZOOM sul P.P.P. di Laura nella foto.

VOCE LAURA (giovanile e dolce)
Dal fondo della mia incertezza tendo le mani, porgimi la tua se m’ami e aiutami a salire.

ZOOM sul P.P.P. di Giorgio nella foto.

VOCE GIORGIO (giovane e scanzonata)
Mi chiedi una mano e te la do, però mostrami anche l’altra, ...che non nasconda un coltello!

Un singhiozzo scuote Laura che lascia cadere il portafoto. Con le lacrime che le colano sul viso rimette a posto tutti gli oggetti nella propria borsa. Nel farlo prende un telegramma. Lo apre:

C 0 N S 0 L A T 0 D ' I T A L I A
L'AUTORITA' DI POLIZIA DI PODGORITZA INFORMA QUESTO CONSOLATO DELL'AVVENUTO ARRESTO IN LOCALITA' NIKSIC DELLA SIGNORINA PAOLA CRITTERI, SENZA FISSA DIMORA E CON PASSAPORTO ITALIANO SCADUTO, PER POSSESSO ILLEGALE DI HASHISH. STOP.


S C E N A 20
PONTE DI POPPA DEL TRAGHETTO. Esterno notte
20-

Non è una bella notte: il vento soffia forte e dal buio del mare a tratti si alzano creste fosforescenti grosse onde.
Il rombo sordo dei motori e coperto a tratti da fragorosi rumori d'acqua.
Giorgio si stringe il soprabito addosso, i capelli brizzolati scompigliati dal vento.
Chiude gli occhi e respira profondamente. Poi guarda in giù, in quel buio liquido solcato da una lunga striscia di spuma che si lascia a poppa il traghetto.
La voce della moglie gli suona nelle orecchie: una voce giovane, dolce, sexy:

VOCE LAURA
Tigellino, mi ami tu?

Giorgio resta immobile ma un sorriso gli torce un po' le labbra mentre si ascolta rispondere ridendo:

VOCE GIORGIO
Sì e lo sai bene ....

Si sente una risatina e Giorgio si volta a guardare verso il castello di poppa...

F L A S H B A C K VIAGGIO DI NOZZE

... e vede se stesso in quella che sembra essere sempre la stessa notte, con Laura avvolta in una pelliccia di volpe.

Giorgio, anche lui vestito con eleganza, il bavero della giacca alzato per il vento e un bonnet calcato sulla fronte la abbraccia, infilandole le mani sotto la pelliccia e la guida verso una murata. La bacia sulla bocca mentre la costringe con una gamba ad aprire le proprie:

GIORGIO ( di spalle)
... ma il ponte della nave no ... facciamoglielo vedere ...

Laura gode dei baci e della stretta di Giorgio, non oppone resistenza alcuna. Poi ridendo gli sussurra

LAURA
Quando i miei capelli saranno grigi ... verrai tu a dirmi "ti amo ancora come quella sera in maggio?"

GIORGIO
Se ci verranno grigi insieme a furia di far l’amore, sì! ...

si avvinghia a lei cominciando ad amarla.

F I N E D E L F L A S H B A C K

Giorgio, adesso, i capelli scompigliati dal vento, gli occhi annebbiati di pianto fissa la murata vuota, perduto nel ricordo.


S C E N A 21
PORTO. MERNO GIORNO
21-

Dal traghetto, attraccato alla banchina, scendono i passeggeri.
Giorgio e' Laura scendono con le tre valigie: due le porta lui e una lei.

GIORGIO(brontola)
S'era detto di portare il minimo indispensabile ...

LAURA
Ho preso qualcosa anche per la bambina...

GIORGIO (amaro)
Ah già, qualcosa per la bambina...


S C E N A 22
AUTONOLEGGIO. Esterno giorno
22-

L'uomo porge la chiave di un auto di media cilindrata e dei documenti

INSERVIENTE (con accento)
Tre settimane signori, dopo tre settimane noi dichiariamo dispersi e fare pratica con l’assicurazione, da?
Giorgio e Laura sono già dentro l’auto, le valigie sono nel bagagliaio, una sui sedili posteriori.

GIORGIO
Speriamo di tornare anche prima.
I
NSERVIENTE ( con accento)
State sulla costa.

GIORGIO
E’ più sicuro?

INSERVIENTE (con accento)
Qui di sicuro ormai c'e' solo che niente è sicuro.

GIORGIO
Grazie.

avvia l’auto e sorride alla moglie

GIORGIO
Incoraggiante.

LAURA
Che chiedi a fare? Tanto noi dobbiamo andarci comunque.

GIORGIO
Per curiosità. Mi piace conoscere la probabilità che ho di morire.


S C E N A 23
STRADA GENERICA. Esterno giorno
23-

Qualche passaggio.
Giorgio frena bruscamente e Laura ,che aveva chiuso g1i occhi, si tira su di scatto

LAURA Che c'è?

Giorgio risponde con un gesto indicando oltre il parabrezza:
Una fila di camion militari sta transitando occupando la sede stradale.
GIORGIO
Cominciamo bene ...

LAURA
Non ci fanno passare?

GIORGIO (irritato)
E che ne so.

LAURA
Vai a parlarci. Digli che dobbiamo andare da nostra figlia...

GIORGIO
Sai che gliene frega a questi dei nostri problemi ...

LAURA
Ci vado io.

si muove per scendere dall'auto e Giorgio la precede sbuffando

GIORGIO
Buona!

scende dall'auto e si avvia. Laura lo segue con lo sguardo.
Giorgio si avvicina ad un soldato che se ne sta in disparte e lo saluta portandosi due dita verso la fronte, poi si sente sciocco e gli chiede

GIORGIO
Do you speak english?

SOLDATO IN MIMETICA
Parlare taliano. Tu taliano?

GIORGIO
Sì! ...

SOLDATO IN MIMETICA
Noi vedere tv. Tuo paese molto ricco ... voi stare bene . Molto felici ...

GIORGIO
Una favola. Senti, io devo andare a Podgoritza, che strada mi conviene fare?

SOLDATO IN MIMETICA
Prendi quella. Non sulla costa perché serbi sparano da navi. Sud tutto calmo. Niente guerra sud, capito? Tu perché qui?

GIORGIO
Turista...

sogghigna ironico e torna verso l’auto. Rientra. Rimette in moto.

LAURA
Che ti ha detto?

GIORGIO
Che siamo stronzi a ficcarci in questa guerra di stronzi.

Giorgio da un'occhiata a Laura che resta impassibile. Gira il volante e imbocca la strada indicatagli dal soldato.


S C E N A 24
STRADA GENERICA. Esterno giorno
24-
Giorgio guida lungo una strada dissestata, ingrugnato, in silenzio.
D'un tratto rallenta e si sporge dal finestrino a guardare il cielo.
Non si vedono aerei eppure si sente il rombo dei loro motori. (oppure REPERTORIO AEREO MILITARE IN VOLO)
Si rimette alla guida e il rombo di un'esplosione tremenda, abbastanza vicina, gli fa bloccare l’auto.

LAURA (grida)
Bombardano!

Giorgio scende dalla macchina: adesso tutto è silenzio. Grida alla moglie:

GIORGIO
C'é del fumo laggiù. Stai lì. Vado a vedere.


S C E N A 25
CIGLIO DI STRADA. Esterno giorno
25-

Il grande fumo di una bomba appena caduta. Sul bordo della strada, Giorgio ne approfitta per pisciare.,

VOCE LAURA
Che fai?

GIORGIO
Spengo l’incendio ...


S C E N A 26
STRADA MONTANA. Esterno giorno
26-

La macchina di Giorgio corre lungo una strada che sale in mezzo ai monti.
Tutt'intorno un bel paesaggio e nessun segno di guerra.
Laura sembra un pop sollevata dal paesaggio verdeggiante.
Punta un dito verso un paesetto che si intravede su una collina ed esclama

LAURA
Non è quel paesetto dove ci fermammo la prima notte?
Giorgio rallenta fin quasi a fermarsi per guardare

GIORGIO
Sì, mi sembra proprio lui ... come accidenti si chiamava...

LAURA
Qualcosa che finiva con ik o ic ...

GIORGIO (trasognato) Checazzìk... !

Anche Laura sorride e Giorgio ne approfitta per chinarsi verso di lei e sfiorarle i capelli con un bacio.
Laura chiude gli occhi e appoggia la testa contro lo schienale.


S C E N A 27
PAESINO. Esterno giormo
F L A S H B A C K VIAGGIO DI NOZZE
27-
Una piccola auto rossa si ferma davanti ad una chiesa. Saltan giù dall'auto, gioiosi, Giorgio e Laura.
Li vediamo solo da dietro e Giorgio ha sul capo il bonnet.
Nella piazzetta sostano sfaccendati che guardano, donne con grandi gerle sulle spalle, ragazzini che si rincorrono.

LAURA
Che bel paesino! Come si chiama?

GIORGIO
Boh! Sarà Checazzìk ...

Laura esplode in una risata.


S C E N A 28
PAESINO E AUTO GIORGIO. Interno esterno giorno
28 –

Nello stesso posto dove prima c'era la piccola auto rossa ora è ferma la macchina noleggiata da Giorgio.
La piazzetta è uguale a vent'anni prima peré non c'è nessuno.
Laura apre la portiera di scatto e scende. Lascia la portiera spalancata e va verso la chiesa.
Si ferma davanti al portale d'ingresso e si guarda intorno: la piazza èdeserta ma DURANTE LA PANORAMICA sentiamo i rumori di vent'anni prima: il gridare dei ragazzi, i saluti della gente, lo strombettare di un furgoncino e la voce di Giorgio che dice allegro

VOCE GIORGIO (giovanile)
Dove vai? Checazzlk non sa ancora che io ti amo!


S C E N A 29
PAESINO. Esterno giorno
F L A S H B A C K VIAGGIO DI NOZZE
29-

Giorgio prende Laura in un gran e abbraccio e la bacia sulla bocca. Laura si stacca ansimando, si libera e scappa verso il portale della chiesa.

GIORGIO
Cerchi scampo in chiesa?

LAURA (ridendo)
Si ... diritto di asilo contro il mandrillo ...

GIORGIO
Non ti servirà!

LAURA
Non rispetteresti nemmeno la casa di dio?

GIORGIO
Chissà qual è casa sua... Un dio-dio sarebbe contento di vederci far l'amore sull’ altare ... questo è solo un vice pieno di incazzature, invidie e maledizioni: guadagnerai il pane col sudore della fronte e partorirai con dolore! Son parole da vice.

LAURA
Ssst... che qui comanda il vice…

spinge il portoncino della chiesa: l’interno è in penombra e la donna sosta sulla soglia e inizia un segno dl croce.


S C E N A 30
CHIESA. Interno giorno
30-

Laura (oggi) resta a mezzo segno di croce, gli occhi sgranati a guardare: ci sono dei tralicci lungo i muri, forse era in corso un restauro ma una parte della chiesa mostra i segni di un’esplosione.
Tra due banchi rovesciati spunta la mano di un prete morto

Alle spalle di Laura appare Giorgio avanza in mezzo ai banchi rovesciati, stupefatto: un raggio di sole entra dritto da un buco nel tetto e illumina violentemente un Cristo in croce a cui l’esplosione ha amputato le braccia.

GIORGIO
Siamo tutti pazzi paranoidi per massacrarci cosi, povero Checazzìk!

da dentro un confessionale, oltre una tenda porpora, sbuca la canna di un fucile che si punta contro la coppia.
Laura scoppia a piangere e Giorgio la abbraccia per consolarla ma la donna rifiuta il gesto e gli grida isterica

LAURA
Perché ci siamo fermati? Perché perdiamo tempo? Andiamo da Paola!

GIORGIO (grida)
Ci siamo fermati perché qui abbiamo passato una delle nostre prime notti di nozze? No!
Ci siamo fermati perché qui vent'anni fa siamo stati felici? No!
Ci siamo fermati perché sono uno stronzo, ecco perché!

respinge Laura per passare, per uscire dalla chiesa ma dal confessionale balza fuori un uomo di mezza età, con una benda insanguinata che gli avvolge la testa e gli tappa un occhio. L'uomo urla in inglese:

UOMO COL FUCILE
Hands up! Hands up!

Giorgio istintivamente fa da scudo alla moglie alzando le mani e le dice in fretta

GIORGIO
Alza le mani! Vuole che alziamo le mani!

L'uomo col fucile si avvicina cauto, fissandoli stralunato col suo unico occhio pieno di follia, il dito sul grilletto pronto ad ucciderli. Laura alza le mani spaventata.

UOMO COL FUCILE (minaccioso)
Do you like garlic? Eh? Do you like garlic! Answer! Answer!,

LAURA
Che dice?

GIORGIO
Vuol sapere se ci piace l’aglio ...

UOMO COL FUCILE
You italian? Voi taliani?

GIORGIO
Sì ...

LAURA
Veniamo da Roma .... siamo appena arrivati e ... non c'entriamo niente con la vostra guerra...

UOMO COL FUCILE
Taliani piace aglio! Aglio e olio!

l'uomo abbassa il fucile e ruota il suo occhio da pazzo e sentenzia indicando il cadavere

UOMO COL FUCILE
A questo non piacere aglio... a serbi invece piacere molto ... chi non piace aglio, kaput! Right?

GIORGIO
Right, right ... now we have to go ... dobbiamo andare ...

l'uomo col fucile già si disinteressa di loro e punta il fucile sul cadavere del prete

UOMO COL FUCILE (in serbo)
Ti piace l'aglio? No!

non ricevendo risposta esplode un colpo contro il cadavere.

Giorgio afferra Laura per un braccio e la strattona via scappando.


S C E N A 31
PAESINO E AUTO GIORGIO. Esterno interno giorno
31-

Giorgio e Laura entrano a tutta velocità in macchina e dopo un avviamento a vuoto, Giorgio riesce a mettere in moto e a fuggire.

LAURA
Non era tre anni fa, erano dieci anni fa.
GIORGIO
Ma cosa dici! Sei andata quando tuo padre stava, male ...

LAURA
Non era quella volta 11.

GIORGIO
In ogni modo mi dicevi che eri felice e cbe speravi che durasse cos! tutta la vita.

LAURA
Lo speravo ma ero sicura che non sarebbe durato.

GIORGIO
Per colpa di Paola e tua che hai deciso di darmi tutte le colpe.

LAURA
Ho capito che mi ero sbagliata.

GIORGIO
Dopo quindici anni di felicità con un uomo, all'improvviso ti accorgi di avere sbagliato: non ti viene il dubbio che sia successo qualcosa:! nella tua testa?

LAURA
E' nella tua che é successo qualcosa. Da quando Paola e diventata una donna tu...

GIORGIO
Da quando si droga vuoi dire ...

LAURA
Comunque sei diventato una bestia...

GIORGIO
Già, io non l’ho presa bene ... Perché non ti droghi anche tu? Così magari riesci a capirla e lei sentirà di avere una madre per la prima volta nella vita.

LAURA
E di te che ha più bisogno! Quando i figli son grandi han più bisogno del padre che della madre.

GIORGIO
E quando son piccoli?

LAURA
Della madre ...

GIORGIO
Ah! Peccato che tu abbia sempre detto che Paola era nata troppo presto e che prima dovevi realizzarti sul lavoro ...

LAURA
Che c'entra? E' ovvio che una...

GIORGIO (sovrastandola)
Hai sempre detto che i figli non contavano niente. Quando gli amici ti dicevano che eri fortunata ad avere un buon marito e una bella figlia tu rispondevi che quello ce l'avevano tutti.

LAURA
La famiglia, ce l'avevano tutti!

GIORGIO
Tu dicevi che i figli non contavano niente davanti a Paola!

LAURA
Io lo dicevo perché ...

GIORGIO(coprendole la voce)
Sai quante volte ho cercato di minimizzare, di buttarlo sullo scherzo ...

LAURA
Come no ...

GIORGIO(coprendole la voce)
... di farle capire che noi le volevamo bene?

LAURA
Come no! Come quando le hai urlato di andare a, buttarsi nel Tevere!

GIORGIO
Io non le ho mai detto di andarsi a buttare nel Tevere ...

LAURA
Come non gliel'hai detto!!?

GIORGIO
Non glielo detto anche se ho:! pensato mille volte che vivere come:! vive lei é peggio che morire.

LAURA
Sei pure vigliacco! Non hai neanche il coraggio delle tue stesse, parole.

Giorgio si volta di scatto e afferra Laura con violenza mentre l’auto sbanda.

GIORGIO
Sei tu che dovresti avere dei rimorsi grandi come una casa! Tu, maledizione, tu! (la scuote)

LAURA
Puoi dirmi quello che vuoi tanto non m'importa più: però non mettermi le mani addosso.

Giorgio la lascia e torna ad occuparsi del volante. Le dà un'occhiata di sbieco e le dice sommesso:

GIORGIO
Questa tua regola vale per te. La mia é diversa: non mettermi le parole addosso o ti spacco la faccia.

S C E N A 32
STRADA GENERICA CON SFONDO DI LAGO E AUTO GIORGIO. Esterno interno giorno
32-

L'auto guidata da Giorgio corre veloce lungo una strada, in lontananza si vede un lago.
Passaggi. Nessuno dei due parla, ognuno segue i suoi pensieri disperati.
Il motore perde colpi, l’auto sobbalza, poi riprende

LAURA
Cos'é?

GIORGIO
Forse qualcosa nel carburatore.

il difetto si riproduce e Giorgio sterza verso un punto in cui la strada si allarga.


S C E N A 33
PUNTO PANORAMICO. Esterno giorno
33-

La macchina di Giorgio, lascia la strada e si va a fermare su uno spiazzo laterale da cui si gode una stupenda vista panoramica: il lago lontano é di un perfetto blu incorniciato dalle verdissime propaggini dei monti che sembrano precipitarsi dentro.
Giorgio scende e apre il cofano dell'auto. Guarda pensoso.
Laura si affaccia al finestrino e lo fissa ansiosa

LAURA
Qualcosa di grave? Vabbé che tanto non ci capisci niente ....

GIORGIO
Capisco che non abbiamo fuso il motore ... non scotta... lasciamolo respirare un po'.

si stiracchia e si volta a guardare il panorama. Si fa attento, controlla a destra e a sinistra e poi torna verso l’auto

GIORGIO
Laura, Laura!

LAURA (al finestrino)
Che altro c’è?

GIORGIO
Guarda bene! Non ti ricorda niente questo posto?

LAURA
Senti, vogliamo arrivare prima di notte?

Giorgio chiude il cofano ed entra in auto.
S C E N A 34
AUTO GIORGIO. PUNTO PANORAMICO. Interno esterno giorno
34-

Giorgio sorride a Laura indicandole il panorama

GIORGIO
Qui abbiamo fatto 1’amore.

LAURA (fredda)
Forse. Ma mi sembra successo ad altre persone, non a noi.

GIORGIO (amareggiato)
Eravamo altre persone. Tu allora mi amavi e ogni posto andava bene.

LAURA
Andava bene a te.

GIORGIO
Hai cambiato anche questi ricordi? S1, andava bene a me ma eri tu. che provocavi chiedendo "Tigellino, mi ami tu?" ben sapendo che io ti avrei detto "si e tu lo sai ma questo posto non lo sa: facciamoglielo vedere..."
Giorgio innesta una rabbiosa marcia indietro tornando verso la strada. Laura ne subisce lo strattone.

LAURA
Così lo bruci sicuro il motore ...

GIORGIO
Ssst. Questo posto non sa come siamo diventati. Non facciamoglielo vrd-e-re,. eSJM7@P -
innesta la marcia avanti e Vauto schizza via.

 

S C E N A 35
CAMPAGNA GIALLA. Esterno giorno
35-

Cannoni sparano.


S C E N A 36
STRADA CON CASOLARI E: CAPANNONI. Esterno giorno
36-

Cannonate in arrivo su case e capannoni.

 

 

S C E N A 37
CANTINA DI UN CASOLARE. Interno giorno
37-

Sono state attrezzate delle zone per dormire con materassi e zone per cucinare con focheracci e griglie.
I boati dei colpi si susseguono e tutto trema mentre dal soffitto cadono calcinacci.
Alcuni gruppi famigliari, donne bambini e vecchi aggrappati gli uni agli altri a grappoli, chini sui materassi, gemono ad ogni esplodere di bomba.
In un angolo, rannicchiati uno contro l’altra, ci sono Giorgio e Laura.
Un colpo molto vicino fa tremare ogni cosa e una ventata copre tutti di terriccio e paglia.
Dei bambini strillano, la voce di una vecchia prega in latino, un9altra voce cantilena una preghiera mussulmana.
Dalle finestrelle qualche cecchino spara.
Laura si stringe a Giorgio mentre un'altra esplosione fa tremare la casa.

LAURA
Usciamo di qui ... non ho paura di morire, ma non qui sotto come un topo ....

GIORGIO
Han detto che mitragliano tutto ciò che si muove ... non si può uscire ...

LAURA
Meno male che al sud doveva essere tutto tranquillo ...

GIORGIO
Quando si scatena la stronzaggine umana non ha limiti.
le esplosioni cessano ma nessuno si muove. Tutti ascoltano tesi il silenzio. Si alza un vecchio e fa segno a tutti di non muoversi. Il vecchio scavalca i corpi dei rifugiati e si arrampica su per una scala di legno.
Giorgio sussurra a Laura

GIORGIO
M'é venuta in mente una domanda stupida: Laura... in questi vent'anni di matrimonio ... dico prima che Paola si drogasse ... sei mai stata felice con me? Voglio dire: felice felice felice?

LAURA
Forse, quando credevo che avessi le ali ...

GIORGIO
Eh?

LAURA
E' una cosa che mi ha detto Paola. Mi ha detto "sai mamma, ti avevo immaginato con le ali e poi ti ho odiato perché non volavi."

Giorgio accarezza Laura sui capelli

GIORGIO
Se tu avessi davvero creduto alle mie ali, io avrei volato.

Dall'alto si riaffaccia il vecchio che grida qualcosa in slavo e la gente si alza dai materassi con un allegro vociare di sollievo.
Una vecchia si avvicina ai due facendo loro cenno che si possono alzare. Punta un dito verso Valto e dice

VECCHIA
Finito. Andare. Finito.

Giorgio si alza e aiuta Laura a mettersi in piedi.


S C E N A 38
AUTO GIORGIO SU STRADA ASFALTATA. Esterno intermo giorno
38-

Una coppia di buoi, guidata da un ragazzo, tira un giogo a cui é agganciata la macchina noleggiata da Giorgio e Laura.

LAURA
Non ce la faremo prima di notte ... Te l’avevo detto di portare delle taniche di benzina.

GIORGIO (infastidito)
A volte mi sembri proprio cretina. Una scheggia ha sfondato il serbatoio, che ci facevo con le taniche?

LAURA
Tutti sono cretini per te, tutti meno te!

Giorgio ha una risata amara

GIORGIO
Rischio di morire da cretino in mezzo a una guerra cretina con una moglie cretina per salvare una figlia cretina... posso non essere cretino anch'io?

LAURA
Smettila! Ti odio quando fai il cretino cosi!

Giorgio continua a ridere e agitare le mani ma nei suoi occhi c'é l'umido di un pianto trattenuto

GIORGIO
Non trovi che sia da cretina odiare un cretino quando fa il cretino?

Laura volta la testa dall'altra parte con disgusto Giorgio appoggia il capo sullo schiena dell'auto e guarda il cielo oltre il finestrino aperto

GIORGIO
E sei cretino pure tu se ci hai fatti Così cretini ... a tua immagine e somiglianza ...

chiude gli occhi e si lascia portare dal lento procedere dei buoi.
In fondo all'altopiano si intravedono le prime case di Titograd.

S C E N A 39
OFFICINA AUTOMOBILIS11CA. Esterno giorno
39-

Alla periferia di Titograd, Giorgio sta parlando con un uomo in tuta da meccanico di fronte ad un'officina. Il meccanico ha la testa tuffata sotto il cofano motore della sua auto.
Laura sta prendendo la valigia dai sedili posteriori della macchina.

MECCANICO (con pessimo accento)
There are two holes in the tank. You were very lucky, the engine would have could explode.

GIORGIO
Can you fix it for tomorrow?

MECCANICO
Tomorrow? No, sir. You need a new tank. I have to order it and, you know, with the chaos of these lousy war ...

GIORGIO
No, no, please! I need my car as soon as possible. Can you find a used tank?

MECCANICO
Used tank, sir?

Giorgio allunga una mazzetta di dollari al meccanico e conferma

GIORGIO
Used tank for tomorrow and I'll pay you twice. Okay?

MECCANICO (ride)
Okay, sir. I can speak to someone that can find, as you say, used tank...

Giorgio apre il bagagliaio e scarica le altre due valigie

LAURA
La può aggiustare?

GIORGIO
Deve cambiare il serbatoio ma credo che domani sara' pronta.

 

 

S C E N A 40
PIAZZA PALAZZO MUNICIPALE. Esterno giorno
40-

Un taxi dirige verso il palazzo municipale.


S C E N A 41
TAXI E CENTROCITTA'. Interno esterno giorno
41-

Dentro al taxi, tra le valigie sistemate sui sedili, Laura e Giorgio guardano la città attraverso i finestrini,

GIORGIO
Chissà se é rimasto uguale ...

LAURA
Cosa?

GIORGIO
Il nostro albergo. Ti ricordi che volevano buttar gitt la porta perché non uscivamo piV

Laura dice seccamente

LAURA
Andiamo prima alla polizia.

GIORGIO
Posiamo almeno le valigie, ci diamo una lavata e poi ...

LAURA
Prima viene Paola e poi la tua lavata.

Giorgio scuote la testa rassegnato, poi dice al tassista

GIORGIO
Scusi ... excuse me ... prima alla Polizia ... Polizei? Before to police, capito?
L’autista sorride e annuisce

TASSISTA
Capito.


S C E N A 42
UFFI CI0 DI POLIZIA. Interno giorno
42-

Il funzionario restituisce il telegramma del Consolato a Laura e sospira, sfogliando un dossier

FUNZIONARIO
Il reato é abbastanza grave. Vostra figlia é stata presa in una retata e aveva mezzo chilo di hashish nella borsetta.

LAURA
Paola fuma quella roba ... non la vende ...


FUNZIONARIO
Mezzo chilo e' un po' troppo per pensare ad un uso personale ... e poi ... (legge) ecco dalle nostre indagini risulta collegata a certo Zinzar Stefanovic, capo di una comunità di zingari, che teniamo d'occhio da tempo perché sospetto di traffico di stupefacenti dalla Bulgaria.

GIORGIO
In che senso risulta collegata?

FUNZIONARIO
Beh... non mi fa piacere dirlo a voi che siete i genitori ma... insomma a quel tale Zinzar Stefanovic fanno capo molte delle prostitute di questa zona...

Giorgio annuisce umiliato e china la testa. Laura invece resta aggressiva

LAURA
Paola é una ragazzina. Dobbiamo tirarla fuori da questo guaio, poi la riporteremo a casa e metterà la testa a posto. C'é un ragazzo a Roma che le vuol bene ... magari si sposano mettono su famiglia e queste mattane di gioventù non avranno più importanza! Ma dobbiamo tirarla fuori di prigione subito, prima che sia troppo tardi! Vero Giorgio? Io so cosa può succedere in prigione ...

FUNZIONARIO
Cosa può succedere? droga e prostituzione ... ecco quello che può succedere ... non é tanto peggio di fuori.

GIORGIO
Possiamo fare qualcosa per farla uscire subito?

FUNZIONARIO
Pagando, diciamo, una cauzione ... potrei vedere per domani mattina se ...

LAURA
Paghiamo! Quanto?

GIORGIO
Una cauzione-cauzione?

FUNZIONARIO
Una specie.

LAURA (al marito)
Che t'importa? Domani ce la ridanno! Paga e basta!

GIORGIO
Quanto?

FUNZIONARIO
Devo parlare col giudice le col direttore della prigione ... credo che cinquemila dollari basteranno.

Giorgio guarda il funzionario che si stringe nelle spalle e aggiunge

FUNZIONARIO
E' un grosso favore che vi faccio. Con questa guerra quello che si promette oggi può essere impossibile domani.

LAURA
Daglieli! Che aspetti!

GIORGIO (al funzionario)
E' sicuro, domani mattina... ?

FUNZIONARIO
La farò portare in questo ufficio. Ecco, questo é il suo passaporto, é scaduto. Andate al consolato e fatelo rinnovare. Se il documento é a posto, domani vostra figlia sarà libera.

LAURA
Ci andiamo immediatamente! Oh che gioia... grazie! Grazie! Grazie!

Giorgio blocca Laura che cerca di baciare le mani del funzionario e le sibila irritato

GIORGIO
Ringrazia questi!

e le fa passare sotto il naso una mazzetta di biglietti da cento dollari che poi consegna al funzionario.


S C E N A 43
43-

Dalla bandiera italiana al cancello del CONSOLATO ITALIANO da cui escono discutendo animatamente Giorgio e Laura e si dirigono verso il taxi che li attende con le valigie.

LAURA
E a cosa servono i soldi, se non per i figli ...

GIORGIO
Però ammetterai che ci sono genitori fortunati e genitori sfortunati.

LAURA
E anche figli fortunati e sfortunati. Sicuro che ha rinnovato il visto?

GIORGIO
Cosa vuoi che abbia scritto sul passaporto? La schedina del Totocalcio?

entrano nel taxi e Giorgio dice al tassista

GIORGIO
All'albergo, finalmente.

 


S C E N A 44
HOTEL. Esterno giorno,
44-

Una PANORAMICA dalla strada al tetto mostra un albergo nuovissimo e moderno.
Col naso all'insù Giorgio, accanto al taxi. Laura sta scendendo con le borse.

GIORGIO (al tassista)
Sicuro che e' questo? Era un alberghetto piccolo piccolo ...

TASSISTA
Hotel Miljacka, tu vuoi hotel Miljacka, questo é hotel Miljacka.

LAURA
Dai, Giorgio. Era vent'anni fa! Abbiamo prenotato no?

Giorgio annuisce, prende una delle borse di mano a Laura e paga il tassista che intasca contento

TASSISTA
Io pensare al baggage ...

Giorgio guarda l’albergo deluso, e si avvia verso l’ingresso sospirando e guardandosi intorno

GIORGIO
Mai tornare dove si é stati felici ...


S C E N A 45
CAMERA ALL’HOTEL. Interno giorno
45-

La stanza é bella e luminosa.
Un inserviente posa le valigie su un trespolo.
Laura si siede sul letto e si leva le scarpe. Giorgio si ferma in mezzo alla camera e si guarda intorno deluso.

GIORGIO
E' tutto diverso.

INSERVIENTE (terminando)
... cinque anni fa, signore. E' stato completamente ricostruito. Cadeva a pezzi.

Giorgio dà un dollaro al ragazzo e va alla finestra, guarda fuori.

INSERVIENTE
Grazie signore. Il panorama é rimasto la stesso, signore.

GIORGIO (ridendo)
Il panorama sarà lo stesso anche tra mille anni quando io, te, i nostri figli e figli dei figli non saremo neppure un ricordo ...

il ragazzo si stringe nelle spalle a significare che lui non ci può far nulla e se ne va.
Giorgio resta a guardare fuori dalla finestra. Laura gli si avvicina da dietro e gli prende una mano.
Giorgio la guarda, contento del gesto affettuoso e la stringe a sé cingendola per la vita

GIORGIO
Ha ragione quel ragazzo. Dentro è tutto diverso ma fuori è tutto uguale.

Giorgio tira Laura contro di sé e la bacia sulla bocca. Subito si infiamma di passione, le sue mani affondando nei suoi capelli, le accarezzano il collo, scendono lungo la schiena, costringendola ad un’aderenza totale.
Laura non oppone resistenza, ha gli occhi socchiusi, sorride un poco:

LAURA
Anche dentro non mi sembra tanto diverso ....

GIORGIO
Laura .... quanto tempo stiamo buttando via ....

Giorgio bacia di nuovo Laura che si stacca da lui e lo guarda

LAURA
Tigellino, mi ami tu?

GIORGIO
Si e questo posto lo sa .... ma rinfreschiamogli la memoria ...
solleva Laura fra le braccia e la porta sul letto, la spoglia coprendola di piccoli baci. Si amano con furia.


S C E N A 46
CAMERA ALL'HOTEL. Interno notte
46-
Sul letto sfatto, Giorgio e Laura giacciono nudi e esausti.

Laura posa la sua testa sul petto di lui e chiede c n voce suadente

LAURA
Giorgio ... mi prometti una cosa?

GIORGIO (con gli occhi chiusi)
Cosa... ?

LAURA
Domattina... quando ci ridanno Paola... non la rimproverare ...

Giorgio spalanca gli occhi e si irrigidisce. Scosta Laura da se' per guardarla in faccia. Le chiede in tono aggressivo

GIORGIO
E’ per questo che hai fatto l’amore come una volta?

LAURA
No ... ma pensavo ...

GIORGIO
Lo so cosa pensavi. Pensavi adesso lo faccio godere un po' questo poveraccio e così si placa e poi me lo rigiro come voglio ...

LAURA
Nient'affatto! Ti voglio solo chiedere di non fare le solite scene con Paola!

GIORGIO
Ma certo, amore mio, sarò dolcissimo con quella poverina che fa la puttana e spaccia hashish! Mi hai dato lo zuccherino, no?

LAURA
Ma che ti prende? E' stato così bello ...

GIORGIO
Lo so che é stato bello. E' sempre stato bello e tutte le volte sono cascato nella trappola. Se tu mi ami, se io ti amo, perché non accontentarti? Vuoi abitare in centro in mezzo al casino e allo smog mentre io vorrei vivere in mezzo al verde?
Se tu mi ami, se io ti amo, perché non accontentarti?
E abitiamo in centro. Vuoi aprire un negozio di moda perché ti piace disegnare vestiti e senti che in confronto a te Chanel e una chiavica?
Se tu mi ami, se io ti amo ... Ti ho aperto la boutique e perso sessanta milioni di dieci anni fa. Vuoi un maledetto letto con gli spigoli contro cui mi sfrango le ginocchia?
Se io ti amo, se tu mi ami ... eh?
Vuoi che domani dia un bacio a Paola e le chieda scusa per avere cercato di impedirle di ammazzarsi con la droga?
Se tu mi ami , se io ti amo… cosi, dato che tu mi ami, domani le dai un bel paio di schiaffi e le dici chiaro che questa é l’ultima volta che i suoi disgraziatissimi genitori attraversano l'Europa e una guerra per salvarle il culo! Va bene?

LAURA
Lo vedi che sei pazzo? Cosa c’entra la casa, il letto, la boutique .. cosa c'entra adesso la boutique con Paola!?

GIORGIO
Certo che sono pazzo se no non sarei qui dopo vent'anni di matrimonio infoiato come la prima notte di nozze! Però la trappola non funziona più! Non avevo nessuna intenzione di fare una scenata a Paola, tanto lo so che non serve a niente, ti potevi risparmiare la scopata!

LAURA
Sei un porco!

GIORGIO
Perché chiamo le cose col loro nome? Non é più porco chi fa l’amore solo per ottenere qualcosa?

LAURA
Perché io sono venuta con te per i soldi, vero? Quando ci siamo messi insieme non avevi una lira e se avessi voluto i soldi, sai quanti ne avevo di ricchi sfondati che mi facevano la corte?

GIORGIO
Lo so!! E sai quante volte me l’hai detto? Comunque io tutto quello ho guadagnato, TUTTO, 1’ho speso per te e per le tue fisse!

LAURA
Quello che hai guadagnato é anche mio! Metà per uno!

GIORGIO
Magari., metà per uno! Gioielli, pellicce, l’appartamento a Roma, la casa al mare ... tutto per te, come e dove lo volevi tu!

LAURA
Perché tu non ci stai nella casa? Non vieni al mare?

GIORGIO
Oh grazie per la concessione! Considerando che ho sbagliato il tuo quiz, il tuo indovinello della torre, devo dire che sei generosa!

LAURA
Hai sbagliato tutto con me e Paola perché sei un violento! Le hai persino urlato di ammazzarsi! Questo si dice a una figlia?

GIORGIO
Tu cambi le cose, cambi i ricordi ... ma anche se gliel'avessi detto, vuol dire che ero disperato, vuol dire che le voglio bene e che piuttosto di vederla così ...

L'emozione soffoca le parole in gola a Giorgio. Laura lo fissa stravolta e sogghigna isterica

LAURA
... meglio morta, vero?! Tu vuoi vederla morta! Ma prima di mia figlia, crepa tu! Tu! Tu!

Laura si scaglia contro Giorgio a pugni chiusi e l'uomo la blocca con forza. Restano vicinissimi a fissarsi con odio. Lo sguardo reciproco li riporta alla normalità. Giorgio le sussurra, quasi tenero

GIORGIO
C'é qualcosa di malato nella testa di Paola. Non é colpa di nessuno. E' nata così ...

Laura nega con la testa, poi scoppia a piangere. Si libera di Giorgio e singhiozza

LAURA
Ma é mia figlia! Lo capisci? La mia unica figlia! ...

GIORGIO
Nostra figlia, nostra.

 

 


S C E N A 47
UFFICIO DI POLIZIA. Interno giorno.
47-

Accompagnata da due agenti, Paola viene introdotta nell'ufficio.
Ha il volto sciupato, senza trucco, i capelli annodati sulla nuca.
In piedi, accanto al tavolo del funzionario, ci sono Laura, Giorgio e l'ufficiale di polizia.
Laura si avvicina esitante alla figlia che guarda prima lei e poi il padre, restando con lo sguardo fisso sul padre.
Laura la abbraccia e la bacia sulle guance. Paola ricambia un po' rigida, lo sguardo fisso in quello di Giorgio che si avvicina anche lui.

GIORGIO
Come stai?

PAOLO
Come sempre, papà...

restano cosi, rigidi, a fissarsi e poi si abbracciano. Giorgio cerca di frenare la propria commozione, stringe Paola e le batte dei colpetti con la mano sulla schiena. Laura si soffia il naso e sorride, nel pianto, ai poliziotti.

FUNZIONARIO (a Paola)
Tuo padre e tua madre hanno sistemato tutto. Questo é il tuo passaporto in regola e noi ti lasciamo andare. Per, attenta, devi lasciare il paese entro tre giorni: loro hanno firmato che ti riporteranno in Italia. Qui non tornare più o farai anche la galera che oggi ti stiamo risparmiando. Intesi?

Paola annuisce senza protestare. Allunga la mano per prendere il proprio passaporto ma il funzionario lo tende a Giorgio

FUNZIONARIO
Lo tenga lei questo.

Giorgio lo prende e se lo mette in tasca, poi tende la mano al funzionario

GIORGIO
Grazie di tutto.
il funzionario gli stringe la mano, poi dice a Laura che ha preso sottobraccio la figlia

FUNZIONARIO
Le stia vicino signora e la convinca a non tornare. Anzi, se posso darvi un consiglio, partite immediatamente.

LAURA
Certo. Immediatamente. Non vedo l’ora di essere di nuovo a casa mia con mia figlia...

si stringe a Paola che le sorride in modo meccanico. Le due donne escono e Giorgio le segue.

 

S C E N A 48
RISTORANTE CON TERRAZZA. Esterno giorno
48-

Il coltello di Paola affonda nella grossa bistecca staccandone un bel pezzo. Paola mangia con avidità.
Seduti al tavolo di un bel ristorante con terrazza, Giorgio, Laura e Paola stanno pranzando.

LAURA
Non ti davano da mangiare, vero?

PAOLA (a bocca piena)
S! ma era sbobba... ah, papà mi dai il mio passaporto, sono maggiorenne no?

Giorgio annuisce e le dà il passaporto. Paola se lo ficca in tasca e sorride esagerando allegria

PAOLA
Lo sai che non ho un soldo? In prigione ti fan pagare tutto dieci volte tanto ...

Giorgio sorride e le passa alcuni dollari. Paola intasca e riprende a mangiare.

LAURA
Ti porto i saluti di Piero! Non t'ha mai dimenticata, appena a Roma vuole rivederti ...

Paola non risponde e taglia la carne con maggior impegno, quasi con ferocia. Giorgio la osserva preoccupato ma non dice nulla.

STACCO SU:
il cucchiaino di Paola che pesca gli ultimi pezzi di un gelato alla frutta in una coppetta.
Laura sta mangiando anch'ella il gelato ma è solo alla metà e guarda la figlia con aria beata. Giorgio beve un sorso di liquore dal bicchiere che ha in mano e scruta Paola che intanto in tanto gli lancia un'occhiata fuggevole

PAOLA
Perché mi guardi cosi, papà?

GIORGIO
Oh scusa... é che dopo tanto tempo ... sei diventata donna... stavo cercando qualcosa della mia bambina... scusa, sono io che divento vecchio.

PAOLA
No, scusa tu papà. Per tutto.

gli appoggia una mano su una delle sue. Gli occhi di Giorgio si riempiono di pianto.

PAOLA
Ti voglio bene papà.

GIORGIO
Anch'io ...

PAOLA
Però non chiedermi di fare quello che non posso fare.

GIORGIO
Cosa non puoi fare?

Paola non risponde e succhia le ultime gocce di gelato dalla coppetta. Laura rompe il silenzio imbarazzante

LAURA
Chiedi il conto, Giorgio. Se ci sbrighiamo prendiamo il traghetto delle otto.

Paola sorride alla madre, ma é un sorriso tirato, artificiale. Si alza

PAOLA
Vado un attimo alla toilette ...

Paola entra in fretta nel ristorante mentre Giorgio dice a un cameriere

GIORGIO
A bottle of Champagne and the bill, please. Il conto.

il cameriere annuisce e corre via. Giorgio si alza e sorride a Laura che lo guarda interrogativa finendo il suo gelato

GIORGIO
Scusa, vado a far pipì.


S C E N A 49
RISTORANTE CON TERRAZZA. Interno giorno
49-

Paola si é fatta cambiare un dollaro alla cassa e ora
va al telefono a gettoni. Infila un gettone e compone un numero.
Giorgio la vede entrando dal terrazzo. Si ferma e cerca di capire quello che dice, ma é troppo lontano.
Paola parla fitto, da un'occhiata al proprio orologio,
dice ancora poche parole e poi riattacca. C'è uno specchio vicino al telefono e Paola si da' un'occhiata: si scioglie la crocchia e scuote il capo per fa disporre i capelli in modo armonico intorno al volto.


S C E N A 50
CAMERA ALL'HOTEL. Interno giorno
50-

Adesso sono le mani di Laura che alzano i capelli di Paola alla ricerca di una foggia migliore: le due donne sono davanti allo specchio dell'armadio, nella camera d'albergo. Paola è truccata e Laura é in deshabillée.
Giorgio è sdraiato sul letto e sta guardando scene di guerra alla televisione.

LAURA
... ecco così ... tirati su, stai bene ... come ti pettinavo io da bambina che eri proprio carina...

Paola si sottrae alle mani della madre e scrolla forte la testa per mettere disordine nei capelli, le sorride impaziente, il volto contratto da un lieve tic nevrotico

PAOLA
Odiavo quella pettinatura, insieme alle scarpe di vernice e alla cuffietta di marabù...

LAURA
Ma cosa dici! Ti pavoneggiavi con le amiche ... e tutti ti facevano i complimenti!

Paola si sforza di mantenere l'autocontrollo ma é evidente che dentro di lei sta montando un attacco di nervi, in parte dovuto ad astinenza, in parte ad un suo difetto endogeno. Si avvicina alla madre, aggressiva, si alza i capelli e le grida in faccia

PAOLA
Io avrei voluto i capelli corti, cosi, sopra le orecchie!

Giorgio parla con allegria forzata

GIORGIO
E perché non 1'hai mai detto? Così avrei evitato di farti piangere tutte le mattine per pettinarti ... e avremmo anche potuto dormire cinque minuti di più!

PAOLA
Sì! Adesso dici così! Allora facevi tutto quello che voleva la mamma e basta.

LAURA
Ma tu stai molto meglio coi capelli lunghi! E poi lo sai benissimo, perché che non te li sei mai tagliati.

PAOLA
Già. Coi capelli sei riuscita.

LAURA
A far che?

PAOLA
A condizionarmi. Io devo andare ...

LAURA
Adesso ce ne andiamo tutti insieme, tesoro ...

Giorgio spegne i televisore col telecomando e cambia discorso

GIORGIO
Questi continuano ad ammazzarsi. Sperimo nella genetica: magari speriamo che riusciremo a levarci la stronzità. Ho comprato una bottiglia champagne per festeggiare.

guarda l’ora al proprio orologio e dice alle due donne

GIORGIO
Prima vado a ritirare la macchina. Se siete pronte tra mezz'ora si parte.

Dà un bacetto sulla testa di Paola che lo afferra per un braccio, lo guarda con aria disperata ma decisa

PAOLA
Papà, io non vengo.

GIORGIO
Ma perché?

PAOLAQ
Non posso. Non voglio.

LAURA
Ma che dici, Paola!

GIORGIO
Tu stai con uno qui gli hai già telefonato dal ristorante. Se ci tieni tanto perché non ce lo presenti?

Paola ha il viso contratto da un tic sempre più frequente, fa uno sforza eroico per non urlare

PAOLA
Mi hai spiata eh papà? Come quando andavo al liceo… beh, tanto adesso non serve più… sto con uno, sì…lavoro con uno… e lui mi dà… mi dà quel che mi serve…Andatevene, voi siete due… normali… due borghesi normali… bugiardi…spioni…voi mi volete solo rinchiudere…

GIORGIO
Ti vogliamo curare, guarire… Non sei stupida, lo sai anche tu che sei malata e da sola non ce la fai ad uscirne…

PAOLA
Che non sia stupida, detto da te, papà, è una novità. Vivo la vita che posso vivere. Non ho chiesto di nascere, non ho voluto essere come sono ... è andata cosi, per caso, come ci sono giorni di sole e giorni di pioggia... Io sono un giorno di pioggia, che ci volete fare?

LAURA
Paola... vedrai, quando sarai di nuovo a casa tutto sarà diverso ... questo ti sembrerà solo un brutto sogno.

PAOLA
E piantala, mamma! Io non torno più a casa! Questa e' la mia vita, capisci? E poi ...

GIORGIO (sommesso)
E poi?


PAOLA
Oh lasciatemi stare! Sono maggiorenne e vaccinata. Non vengo e basta!

Laura la prende per un braccio con forza

LAURA
No! Tu vieni con noi! hai sentito quello che ha detto la polizia! Tu...

PAOLA
Ficcatela nel culo la polizia! Me ne sbatto io di quello che dice la polizia, di quello dite voi e di tutte le cazzate della vita!

LAURA (indignata)
Paola!

PA0LA
Paola! Paola! Paola! E' tardi per fare la mamma adesso! Capito? E' tardi! Tu hai sempre pensato ai cazzi tuoi, ai tuoi vestiti, al. tuo successo!

LAURA
Ma cosa dici! Se sono sempre stata con te!

PAOLA
Anche quando eri a casa non eri con me! Eri lì fisicamente e basta! Chi mi accompagnava a scuola? Papà! Chi mi veniva a prendere? Papà! Sai quante volte uscendo da scuola ho sperato di vederti ... ma tu non c’eri mai! Tutte le altre mamme c’erano meno tu!

LAURA
Ma sono venuta un sacco di volte! E poi chi ti portava a giocare al parco? Eh? Col secchiello e la paletta...

PAOLA
Forse quand'ero cosi piccola che non me lo ricordo più. Mi ricordo pero che se piangevo di notte era sempre papà che veniva a vedere perché! Tu dormivi, te ne fregavi e hai sempre detto che non avevi senso materno!


LAURA
Ho detto che quando sei nata ero troppo giovane e che quando la suora ti ha portato ... beh, non è che una se lo può dare il senso materno, avevo ancora bisogno io della mamma...

PAOLA
Me se avevi quasi ventiquattr'anni!

LAURA
Non è questione di età ma di maturità!

PAOLA
E allora peccato, sei maturata troppo tardi!

la ragazza si libera dalla madre con uno strattone e va verso la porta. Giorgio le si mette davanti

GIORGIO
Paola, non capisci che continuando cosi, t'ammazzi?

PAOLA
Lasciami papà. Vivrò poco, che male c'è? A te piace vivere, a me no.

Paola scosta il padre che non oppone resistenza e si lascia spostare, rispondendo con un sorriso amaro

GIORGIO
Mi piaceva... una volta.

LAURA
Paola! Vieni qui!

ma la ragazza esce sbattendo la porta. Laura le corre dietro. Giorgio cerca di fermarla ma la donna si arrabbia

LAURA
Non devi lasciarla andare!

GIORGIO
E che devo fare? Legarla?

LAURA
Dobbiamo seguirla! Dobbiamo sapere dove va, con chi va! Ci dev'essere qualcuno che la ricatta, che la schiavizza!

GIORGIO
Vado io. Tu vestiti.


S C E N A 51
STRADA DI CITTA'. Esterno giorno
51-

Un autobus percorre una strada centrale. Nella piattaforma posteriore, dietro i vetri sporchi, si intravede Paola.
Un taxi segue l'autobus a poche decine di metri.


S C E N A 52
TAXI IN CITTA'. Interno esterno giorno
52-

Dentro il taxi, sul sedile posteriore, c'é Giorgio, piegato in avanti per non perdere di vista la figlia sull'autobus.

GIORGIO (al tassista)
Don't miss it ....

S C E N A 53
SIRADA DI CITTA'. Esterno giorno
53-
L'autobus procede nella sua corsa: Paola leva il dito medio della mano destra e lo tiene bene in vista contro il vetro posteriore dell'autobus.


S C E N A 54
TAXI IN GMA'. Interno esterno giorno
54 –

Il tassista sgrana gli occhi e poi si volta verso Giorgio e indica con la mano il gesto osceno di Paola.
Giorgio annuisce con un sorriso stanco e allunga un dollaro al tassista

GIORGIO
Don't worry and don't miss her.


S C E N A 55
PIAZZALE PERIFERICO. Esterno giorno
55-

L'autobus si ferma al capolinea. Scendono pochi passeggeri tra cui Paola che si ferma sotto la pensilina e si guarda intorno.
piazzale ha due lati confinanti con l’aperta campagna e su uno dei prati c'è un campo nomadi.
Paola si avvia verso le roulotte. Si volta due volte per guardarsi alle spallje ma il piazzale è semideserto e non ci sono taxi.
Paola entra nella roulotte più grande e solo ora il taxi con Giorgio a bordo, sbuca da dietro l'autobus e si ferma sul lato del piazzale prospiciente il campo nomadi.
Giorgio guarda verso quella roulotte in cui è entrata Paola, esita un attimo e poi si lascia andare sul sedile, dicendo all'autista

GIORGIO
Come back.

il taxi fa un'ampia manovra ad U e torna indietro.


S C E N A 56
HOTEL. Esterno giorno
56-

Davanti all'hotel c'è Laura in attesa, con le valigie pronte accanto alla porta.
Arriva Giorgio di nuovo alla guida dell'auto che ha noleggiato, e Laura corre verso la macchina. Guarda con angoscia i sedili vuoti

LAURA
Non l'hai presa? Dov'è Paola?

Giorgio scende dall'auto e ha un gesto di rassegnazione

GIORGIO
E’ tornata con gli zingari ... Laura, non possiamo fare di più. Per uscire dalla droga bisogna volere ... e Paola non vuole volere.

Laura ha una reazione violenta

LAURA
TU non puoi fare di più! TU non vuoi fare di più! Portami da lei! Subito! Subitooo!

GIORGIO
Ma se non vuole ....

LAURA
Portami da mia figlia!

GIORGIO
Hai pagato l'albergo?

LAURA
Sì. No. Non lo so! Non me ne frega niente ... portami da Paola!

Giorgio le spalanca la portiera e la spinge dentro irritato

GIORGIO
Sali! Sali, che ti porto da tua figlia!

sbatte la portiera e fa il giro dell'auto per poi andare a sedersi al posto di guida

GIORGIO
Mi hai detto di non fare scenate, e io non ho fatto scenate! Se la lascio andare è perché non me ne importa niente, se uso la forza sono un pazzo violento ... beh sai che c'è di nuovo? Io ti porto da tua figlia. ma stavolta te la sbrighi tu!

L’auto parte con stridor di gomme.


S C E N A 57
AUTO GIORGIO PER LE STRADE DI CITTA'. Interno esterno giorno
57 –

Giorgio guida l’auto noleggiata, scuro in volto. Laura siede accanto a lui, tormentandosi nervosamente le mani. Parla da sola, senza aspettarsi risposta dal marito

LAURA
Io la porto su un'isola... da qualche parte ... in Polinesia... dove non c'é droga... e li per forza deve guarire ... per forza... Io e lei .... solo io e lei ...

GIORGIO
Così guarisci anche tu! Che stronzate dici ... non riusciamo neanche a farla tornare a Roma e tu la porti in Polinesia...
LAURA
Tu la lasceresti qui, vero? Lo sai che è come condannarla a morte? Lo sai?

GIORGIO (urla)
Sì, lo so! Lo so! Ma non posso farci niente! Nessuno può vivere la vita di un altro, lo vuoi capire? Neanche quella di una figlia!

LAURA
Se muore Paola m'ammazzo anch’io..

Giorgio serra le labbra, inghiottisce la voglia di piangere. Guida per un po’ in silenzio, poi allunga una mano ad accarezzare quelle della moglie

GIORGIO
Non è colpa nostra, Laura, assolutamente non è colpa nostra... C'è chi ha figli geniali e chi ha figli stronzi, chi ha figli sani e chi ha figli malati ... non è colpa di nessuno ... è come una gigantesca lotteria e noi abbiamo tirato un numero basso ...

LAURA
Questo lo pensi tu! Paola ha una grande intelligenza, una grande sensibilità, ma hai letto quello ha scritto sui suoi diari?

GIORGIO
Ma sì che li ho letti! Me li ha fatti leggere lei ... e io a dirle, Paola, come possono essere la stessa persona quella che scrive queste cose e quella fa la puttana per comprarsi la droga... E lei alzava le spalle o sorrideva senza spiegare. Perché non c'era niente che potesse essere spiegato.

LAURA
Di chi e' la colpa se si vende la droga nelle scuole? Paola ha cominciato a liceo! Chi sono i bastardi che fanno finta di combattere contro la mafia e invece son d'accordo con gli spacciatori?

GIORGIO
Di vigliacchi assassini è sempre stato pieno il mondo. La vita è una tutta una sfida, un pericolo ... e la selezione naturale è contro i piccoli di tutte le specie. Non contro gli adulti, quelli la selezione l'hanno superata. Chissà, forse quando i ragazzi dovevano conquistarsi la crescita contro la fame e diventare grandi era difficile, i più deboli o i malati cadevano prima... noi adesso i giovani li coccoliamo, li vogliamo tutti dottori, i cretini prendono ripetizioni e si comprano la laurea... forse la droga è la nuova selezione naturale.

LAURA
Heil Hitler!

GIORGIO
Che c'entra Hitler...

LAURA
Fai schifo. Questi discorsi fanno schifo! Tua figlia muore e tu mi parli della selezione naturale come se discutessimo di farfalle!

Giorgio non risponde più.
S C E N A 58
PIAZZALE DI PERIFERIA. Esterno giorno
58-

L'auto guidata da Giorgio si ferma sul piazzale, non lontano dalle roulotte del campo nomadi.

LAURA
In quale roulotte e' entrata?

GIORGIO
Cosa vuoi fare? Portarla via con la forza?

LAURA
Qualcosa farò! Dov'è entrata?

Giorgio sospira, si passa una mano sulla faccia e poi si stringe nelle spalle, arrendendosi

GIORGIO
Come vuoi. Attenta che può essere pericoloso. Non è che ci si ragiona tanto con questa gente ...

LAURA
Mi dici qual é la roulotte o comincio a urlare ...

GIORGIO
Quella. La più grande.

Laura scende dalla macchina e si dirige a passi decisi verso la roulotte ind.icatale dal marito.
Giorgio ne segue l’andata con preoccupazione. In un angolo del capo nomadi giocano alcuni bimbi seminudi.
Laura bussa con forza alla porta della roulotte.


S C E N A 59
ROULETTE ZINGARA. Interno giorno
59-

L'interno della roulotte e' immerso in una penombra rossa provocata da un piccolo lumetto a olio con il vetro rosso.
I colpi di Laura battuti contro la porta rimbombano assordanti.
Dal letto incastonato sul fondo, sommerso di grandi cuscini, si leva un uomo a torace nudo: fa volare due cuscini scoprendo Paola, seminuda, stesa sotto di lui.

PAOLA
Occupato!

L'uomo riprende ad accarezzare Paola e a baciarle il seno. Paola lascia fare senza alcuna partecipazione.

 

S C E N A 60
ROULOTTE . Esterno giorno
60-

Laura scuote la piccola porta con violenza, poi bussa contro i vetri, chiamando

LAURA
Paola! Paola! Apri o chiamo la polizia!


S C E N A 61
ROULOTTE . Interno giorno
61-

L'uomo salta giù dal letto, arrabbiato e afferra la sua camicia

CLIENTE
Polizia?

PAOLA
Ma no! E' quella rompicoglioni di mia madre.

l'uomo non capisce, impreca fra i denti e si infila la camicia. Paola salta giù dal letto e si infila una vestaglia mentre da fuori Laura continua a bussare

PAOLA
Piantala!

va ad aprire la porta infuriata


S C E N A 62
ROULOTTE . Esterno giormo
62-

Paola, spingendo via la madre

PAOLA
Ma che fai qui? Te ne vuoi andare? Guarda che se chiamo aiuto ti trovi con la testa girata dall'altra parte!

il cliente scosta Paola bruscamente e salta quasi sui piedi di Laura, andandosene. Paola gli grida dietro

PAOLA( in slavo)
Mi devi trenta dollari!

l'uomo neppure si volta: leva alto il pugno col dito medio teso e si allontana.


LAURA
Chi è quel bruto?

Paola spalanca le braccia in un gesto di impotenza e torna dentro la roulotte. Laura la segue.


S C E N A 63
ROULOTTE . Interno giorno
63-

Paola tira fuori da un sacchetto un pizzico di polvere bianca, la raccoglie nell'incavo tra pollice e indice e la aspira col naso. Laura si è fermata al centro della roulotte e si guarda intorno schifata

LAURA
Non può piacerti vivere così ...

PAOLA
E invece si e adesso o te ne vai o chiamo aiuto.

LAURA
Io da qui me ne vado solo insieme a te.

PAOLA
No! Tu te ne vai come sei venuta!

LAURA
Paola, ascoltami ....

PAOLA (urla)
No! Ti ascolto un cazzo! Porta via il tuo culo da qui, capito? Fuori! Fuori!

spintona la madre verso la porta. Laura si aggrappa dove le capita e provoca la caduta di alcune bottiglie.

LAURA
Tu vieni con me! Tu sei mia figlia! 0 vieni con le buone o chiamo la polizia!

PAOLA
Chiama chi cazzo ti pare ma non farmi più vedere quella tua faccia di merdaaaa!

LAURA
Paola! Sei fuori di te! Ti devo portar via di qui!

Paola afferra da terra un coccio di bottiglia e minaccia la madre urlando

PAOLA
Viaaa!

Laura arretra ma non se ne va


LAURA
Io sono tua madre .... mi devi amazzare Per liberarti di me ...

sale sulla roulotte Lino zingaro di trent'anni, alto, robusto, sprigionante una grande vitalitA animale: e' ZINZAR.

ZINZAR
Che succede qui dentro? Chi è questa?

PAOLA
Quella stronza di mia madre! Vuol riportarmi a casa.

ZINZAR
Non può signora. Paola non vuole e poi siamo in affari insieme.

LAURA
Affari? Che genere di affari? Chi sei tu? Che vuoi da mia figlia?

ZINZAR
E' lei che ha bisogno di me!

PAOLA
Mandala via!

ZINZAR
Sentito? Andiamo!

Zinzar afferra Laura per un braccio per trascinarla fuori ma Laura,oppone resistenza e, nel movimento la camicetta si apre e si vede il corpo bello di Laura, segnato da un'elegante mise di pizzo nero.

ZINZAR
Però, niente male la pupona!

Paola ride sguaiata e tira sul col naso un altro pizzico di polverina.
L'atteggiamento di Zinzar cambia di colpo e allunga una mano per accarezzare i fianchi di Laura

ZINZAR
Proprio niente male .... Hai ragione tu: è meglio che non te ne vai ...

Laura arretra spaventata sotto lo sguardo acceso di divertito desiderio dello zingaro che lentamente si cala la zip dei pantaloni godendo del terrore della donna

LAURA
Che fa? E impazzito? C'è mio marito fuori ...

ZINZAR
Non aver paura, cocca... dopo mi supplicherai per averne ancora...

LAURA
Paola... Paola fai qualcosa!

Zinzar afferra brutalmente Laura, la gira e la piega in avanti. La donna si ribella e colpisce lo zingaro, cerca di graffiarlo di ferirlo agli occhi. Zinzar ride, la blocca, la colpisce con un manrovescio e la manda con la testa in grembo alla figlia

ZINZAR
Tienila ferma!

Paola agguanta le braccia della madre e le blocca. Laura non reagisce pitt: fissa allibita la figlia che le sogghigna drogata sulla faccia.

PAOLA
Dai Zinzar, fottila... che magari quello che le è mancato nella vita!

Laura fissa la figlia con occhi sgranati, scossa da un tremito nervoso, incapace di reazioni.
Zinzar le alza la gonna rovesciandogliela sulla testa.

ZINZAR(come un domatore)
Buona, buona... su, buona... che non ti faccio male ... buona..

Zinzar non si avvede che nel vano della porta della roulotte, rimasta spalancata, é apparso Giorgio.
Laura fissa la figlia inebetita, il viso stravolto da un tic.
Giorgio balza nella roulotte e afferra una bottiglia. Zinzar si volta ma solo per ricevere il colpo in piena fronte. Zinzar si affloscia svenuto con la fronte spaccata colante sangue, Giorgio solleva la testa di Laura e cerca di rianimarla

GIORGIO
Laura! Laura...

Paola si alza in piedi e sfida con lo sguardo il padre

PAOLA (rauca)
Portala via .... e sparite per sempre ...

Giorgio scuote la testa e allunga una mano per afferrare un braccio della figlia che si ritrae

GIORGIO
Vieni con noi.

Paola nega col capo e indietreggia di quel poco che le permette l'ambiente. Giorgio le ordina duro

GIORGIO
Tu vieni con noi!

la afferra per un braccio e cerca di trascinarsela appresso. Paola, come una bestia, lancia un urlo, si aggancia al letto con una mano e da sotto il cuscino prende un piccolo pugnale che punta contro il padre.
Zinzar si riprende dalla bottigliata e annaspa per alzarsi.

Giorgio tenta di disarmare la figlia che gli ferisce una mano. Furibondo, afferra il polso di Paola e lo torce, costringendola a mollare il coltello. Ora é lui ad avere il coltello in pugno e Paola gli urla

PAOLA
Io sto qui! Faccio la puttana! Tu hai una figlia puttana, capito!? E vaffanculoo!

il pugnale nella mano di Giorgio vibra un poco e per un attimo una voglia di uccidere passa negli occhi dell'uomo. Paola la sente e offre la gola, in una masochistica ansia di farla finita.

L'esplosione di un colpo di pistola, nel chiuso della roulotte, sembra una bomba. Giorgio colpito e si piega per il dolore. ;Si aggrappa ad una bombola di gas, la afferra la solleva strappando via il tubo di gomma e se ne fa scudo.
Zinzar, barcollante col sangue che gli cola sulla faccia, pistola in pugno spara all'impazzata: un secondo colpo miagola sul metallo della bombola e poi fa scoppiare il lumetto ad olio che si rompe e l’olio crea una macchia di fuoco e il fuoco si attacca ad una tenda e a una sedia di paglia. Un terzo colpo ferisce Paola che si era stretta un cuscino addosso.
Un denso fumo cancella quasi le immagini.
Giorgio si tuffa contro Zinzar che gli spara in testa ma la pistola batte a vuoto. Lo colpisce sul capo ma Giorgio lo stordisce dandogli la bombola sulla testa. Zinzar crolla a terra insieme alla bombola da cui esce il sibilo del gas.


S C E N A 64
ROULOTTE. Esterno giorno
64-

La roulotte sprigiona fumo e fiamme da dai finestrini.


S C E N A 65
ROULOTTE . Interno giorno
65-

Nel fumo denso annaspa Paolo tossendo, gli occhi lacrimanti, abbranca e solleva tra le braccia Laura svenuta e barcolla verso l'uscita.
La mano di Paola sbuca dal fumo, sul pavimento, e afferra il padre per un piede. Sono attimi terribili: Giorgio strappa il suo piede dalla presa disperata di Paola e rantola:

GIORGIO
Prima tua madre ...


S C E N A 66
ROULOTTE (o CATAPECCHIA). Esterno giormo
66-

Dalle fiamme, bruciacchiato e ferito, barcolla fuori Giorgio con Laura svenuta tra le braccia.
La posa a terra e si volta per tornare nella roulotte ma una tremenda esplosione 1'a distrugge: volano via porte e finestrini e la roulotte si trasforma in un inferno di fuoco.
Giorgio viene gettato addosso a Laura dallo spostamento d'aria. Dalle altre roulotte escono alcune donne vocianti.
Giorgio guarda i resti della roulotte istupidito, riprende Laura fra le braccia e balbetta fuori di sé, con le labbra tirate in un orribile sorriso


GIORGIO
Hai visto? Ho scelto te ... sulla tua maledetta torre ho scelto te ...

e barcolla verso il piazzale.


S C E N A 67
PIAZZALE DI PERIFERIA. Esterno giorno
67-

Giorgio posa la moglie svenuta sul sedile accanto alla guida, richiude la portiera, corre dall'altra parte e si mette al volante.
L'auto parte con grandi sobbalzi.


S C E N A 68
STRADA DI CITTA'. Esterno giorno

La macchina guidata da Giorgio si ferma davanti ad una farmacia, in una strada piena di negozi.
Laura è ancora svenuta, appoggiata al sedile.
Giorgio le aggiusta i vestiti e i capelli, le pulisce il volto con un fazzoletto. Gesti maniacali, da pazzo, poi si guarda nello specchietto, si cancella con un fazzoletto pulito i segni neri del fumo e poi lo infila sotto la camicia a tamponare la ferita che gli ha fatto Zinzar.
Scende dall'auto, entra nella farmacia.


S C E N A 69
FARMACIA. Interno giorno
69-

Giorgio parla concitato alla commessa

GIORGIO
There was an accident ... un incidente ... ha preso fuoco una roulotte ... Please, Roipnol ... I need Roipnol for my wife, you know, for my wife ...

Giorgio tira fuori una mazzetta di dollari e mette una banconota da venti sul banco. La commessa esita, poi prende la banconota e se la ficca in tasca. Poggia sul banco un flacone di Roipnol.
Giorgio lo prende e ringrazia con un cenno del capo, scappando fuori dal negozio.


S C E N A 70
ALTRA STRADA DI CMA'. Esterno giorno
7 0 –

Seduta nell'auto, Laura apre gli occhi, frastornata e vede Giorgio uscire da un negozio di ferramenta, con in mano una grossa busta di plastica ben gonfia.

Giorgio si accorge che Laura ha aperto gli occhi, apre la portiera posteriore e butta sui sedili dietro il tubo di plastica, poi si affretta a sedersi accanto alla moglie.
Scarta la confezione dei bicchieri di plastica e ne prende uno. Parla in fretta, sorridendo, cercando di essere rassicurante

GIORGIO
Come ti senti? Mi ero spaventato ... sei svenuta e ...

LAURA (frastornata)
Cos'è successo? Dov'è Paola? Quel bruto ...

GIORGIO
Tutto sistemato. Paola è stata magnifica. Ha chiamato la polizia e lo ha fatto arrestare quello zingaro.

Giorgio versa alcune gocce di Ripnol e le la fa bere a Laura

GIORGIO
Bevi questo per calmarti…

Laura esegue docile. Beve e chiede a Giorgio che riavvia Vauto

LAURA
Perché non è con noi?

Giorgio accelera, si passa una mano sul viso e poi si volta verso Laura che non é ancora del tutto presente, con un sorriso rassicurante
GIORGIO
E' tutto merito suo se è finita bene, sai ... ha colpito quel porco sulla testa con la bombola del gas e poi siamo andati a chiamare la polizia! L'hanno fermata per testimoniare ma andremo a prenderla prima di sera.

LAURA
L'ho sempre detto che è una brava ragazza... visto che avevo ragione?

GIORGIO
Oh si, Laura... avevi proprio ragione ...

nasconde la sua voglia di piangere. Laura richiude gli occhi sorridendo, sotto l’effetto calmante della medicina e sussurra

LAURA
I giovani vanno capiti, Giorgio ... vanno aiutati ... dobbiamo starle vicino ...

GIORGIO
Certo, Laura, certo ...

S C E N A 71
PUNTO PANORAMICO. Esterno tramonto
71-

Giorgio ferma l’auto sul ciglio della piazzola da cui si domina un panorama stupendo, col verde delle montagne e il lago lontano tinto dal rosso di un tramonto glorioso.
Ferma senza spegnere il motore. Laura apre gli occhi e si guarda intorno stupita

LAURA
Ma... perché mi hai portata qui?

GIORGIO
E' lo stesso panorama bellissimo di vent'anni fa... Non ti ricordi? Abbiamo fatto Vamore davanti a questo panorama...

LAURA
Oh sì! ... è fu bellissimo ...
Giorgio le sorride e si china su di lei. Le sfiora le labbra con le proprie e le sussurra

GIORGIO
E’ stato sempre bellissimo con te ...

Laura ricambia il bacio, poi si guarda intorno e una lieve ansia la riprende

LAURA
Ma Paola... tornerà con noi?

GIORGIO
Te l’ho detto. Andiamo a prenderla stasera. Sai, ha dovuto fermarsi alla polizia per la denuncia eccetera ma ha capito che stava sbagliando tutto. Adesso non farà più niente di male.. adesso è di nuovo la nostra bambina...

LAURA
L'ha detto lei che vuol tornare?

GIORGIO
Ma certo! Torna con noi e non ci lasceremo mai più. Tutti e tre insieme.

LAURA
Oh finalmente ... Giorgio, sono felice! Ero certa che la mia Paola avrebbe capito! Lei è buona, è solo quella porcheria che prende, quella robaccia e le cattive compagnie ... mi raccomando Giorgio, sii molto paziente con lei ...

GIORGIO
Ma certo. E poi ... non ce ne sarà più bisogno. Adesso Paola é la figlia che abbiamo sempre creduto che fosse.

Giorgio si piega verso i sedili posteriori per nascondere un irrefrenabile singhiozzo. Prende la bottiglia di champagne e due bicchieri

GIORGIO
Dobbiamo brindare ... usciamo dal tunnel, é la fine dell'incubo. Da ora in poi saremo di nuovo felici come prima...

Giorgio stappa la bottiglia che trabocca. Laura batte le mani felice. Giorgio le sorride

GIORGIO
Chiudi gli occhi ed esprimi un desiderio ...

Laura chiude gli occhi e si appoggia al sedile felice. Giorgio ne approfitta per versare nello champagne di Laura gran parte del Roipnol e il rimanente nel proprio bicchiere.
Laura riapre gli occhi sorridente

LAURA Fatto!

GIORGIO
Che desiderio hai espresso?

LAURA
Non si dice, se no non si avvera!

GIORGIO
Dirlo a me non è proprio dirlo ...

LAURA
Ho desiderato dei bei nipotini .... e quando verrà il tempo di morire, di morire insieme ...

Giorgio annuisce e le porge il bicchiere colmo di vino

GIORGIO
Splendido. A noi due e alla faccia di chi ci vuol male in cielo, in terra e in ogni luogo!

LAURA
A te, a Paola e a me!

GIORGIO
In quell'ordine?

Laura si tende verso di lui e lo bacia dolcemente, conferma

LAURA
Sì, in quest'ordine ...

i due bevono lo champagne.
Il sole sta per scomparire immergendosi nell'infinita distesa del mare.
Laura appoggia la testa sul petto di Giorgio e guarda il sole morente. Una mano di lei va ad accarezzargli una coscia e sussurra una domanda

LAURA
Tigellino ... mi ami tu?

Giorgio le accarezza la mano e le sussurra tra i capelli

GIORGIO
Sì, e tu lo sai ...

Laura si abbandona felice

LAURA
Che bello ... Mi viene un sonno ... sarà lo stress ...
e scivola nel sonno ipnotico del Roipnol. Anche Giorgio si sente intorpidire. Sposta la testa e la mano di Laura con grande cautela, scende dall'auto, apre la portiera posteriore e prende il tubo di plastica comprato in ferramenta.
Vacilla quando si piega per incastrarlo nel tubo di scappamento dell'auto, ma riesce a spingerlo con forza. Si aggrappa alla portiera posteriore, ne cala di due dita il vetro, ci incastra l’altra estremità del tubo che soffia i gas di scarico dentro l’auto. Chiude la portiera, si leva la giacca e rimbocca l’apertura del vetro in modo da non lasciare aria. La camicia è sporca di sangue.
Tutto è a posto, guarda il sole che tramonta e scrive con un dito sul lunotto posteriore impolverato

FANCUL0

Rientra in macchina, si risiede al volante, chiude con cura la portiera e si rimette la testa della moglie sul petto e la mano di lei sull'inguine: posa su quella mano la sua in una dolce carezza mentre con l’altra le affonda le dita fra i capelli.
Mentre i fumi dei gas di scarico riempiono l’auto, Giorgio socchiude gli occhi, abbandonandosi.
Il sole scompare nel lago e lascia inspessire le ombre della sera.

Il mondo visto da dentro l’auto scompare nell'ispessirsi del fumo che trasforma la macchina in una camera a gas.

Le due teste di Giorgio e Laura sono poggiate l'uno contro l’altra, i loro volti sereni.
La mano di lei e di lui poggiate sull'inguine di Giorgio sono un ultimo gesto d'amore.
ZOOM INDIETRO: la macchina resta là, col motore acceso e la parolaccia scritta sul lunotto.

F I N E

Ritorna a 'Il Dito di Dio (Assolutamente Casuale)

©2017 Ernesto Gastaldi. All Rights Reserved. Designed By GiorgiOnline

Search